Abbonamento di metro, bus e treni a 9 euro contro il caro energia: ecco dove

Stefano Rizzuti

21 Maggio 2022 - 12:01

condividi

Contro il caro energia, per i mesi di giugno, luglio e agosto l’abbonamento ai mezzi del trasporto pubblico locale (metro, bus, treni, tram e traghetti) costerà solo 9 euro: ecco dove.

Abbonamento di metro, bus e treni a 9 euro contro il caro energia: ecco dove

Un abbonamento mensile per metropolitane, autobus e treni locali a soli 9 euro. Uno sconto per i mesi estivi - da giugno ad agosto - e che vale per tutti: cittadini e turisti. È questa l’iniziativa messa in campo dal governo e dal Parlamento tedesco - che ha appena dato il via libera definitivo - contro il caro energia conseguente all’invasione russa dell’Ucraina.

Con l’ok al piano viene introdotto un prezzo fisso - di 9 euro - per gli abbonamenti ai trasporti pubblici locali in tutta la Germania per l’estate. A questo si aggiunge un taglio di tre mesi delle tasse sul carburante anche per i veicoli privati. Due mosse contro l’aumento dei costi della benzina e delle merci.

La Camera alta del Parlamento tedesco (che rappresenta i 16 governi del Paese) ha approvato il piano per i biglietti a 9 euro all’interno di un pacchetto di misure in difesa dei consumatori contro il caro energia. Il costo della misura si aggira attorno ai 2,5 miliardi di euro. Vediamo tutti i dettagli.

Come funziona l’abbonamento ai trasporti a 9 euro

Lo schema adottato dal governo tedesco è stato rinominato 9 per 90, ovvero 9 euro al mese per un totale di 90 giorni. Il biglietto includerà gli autobus, la metropolitana, i tram e i treni S-Bahn. Sono inclusi anche i traghetti e i treni regionali in seconda classe.

L’abbonamento non varrà per i trasporti a lunga percorrenza. Sarà valido per i mesi di giugno, luglio e agosto, ma solamente per il mese in corso: quindi anche se si acquista l’abbonamento il 20 giugno, per esempio, varrà solo per il mese di giugno e non per 30 giorni.

È possibile acquistare anche l’abbonamento direttamente per tre mesi al costo di 27 euro. Inoltre chi ha pagato già una tariffa più alta per quei mesi ha diritto a ricevere un rimborso. L’abbonamento a 9 euro mensili non è destinato solo ai cittadini tedeschi, ma anche ai turisti.

Il biglietto, inoltre, è valido in tutta la Germania. Quindi se viene acquistato a Berlino vale per i trasporti locali di quella zona, ma se poi ci si sposta a Monaco, per esempio, vale anche lì sui mezzi del trasporto pubblico locale.

Abbonamento trasporti a 9 euro, le criticità

Con questa operazione il governo punta non solo a ridurre i costi per gli utenti, ma anche a incentivare le persone a utilizzare il trasporto pubblico e abbandonare le automobili private. Il timore dei sindacati dei lavoratori ferroviari, però, è che i treni siano sovraffollati e questo potrebbe comportare ritardi e disagi per l’utenza.

Stesso rischio paventato anche per gli autobus. Inoltre molti esperti credono che questo sistema possa funzionare realmente solamente nelle grandi città. E, infine, non si è capito se la misura sarà valida solo per l’estate o se l’intenzione del governo, in caso di esito positivo, sia quella di estenderla a partire da settembre.

Germania, ridotte le tasse sul carburante

Nel pacchetto varato dal Parlamento tedesco si prevede anche un taglio delle tasse sul carburante per i tre mesi estivi. La riduzione sarà di quasi 30 centesimi al litro per la benzina e di 14 al litro per il diesel. Meno, quindi, di quanto previsto in Italia dove il taglio delle accise comporta uno sconto di 30,5 centesimi al litro sia per la benzina che per il diesel.

Il taglio delle tasse sul carburante viene però visto da alcuni, in Germania, come inopportuno, se affiancato alla riduzione dell’abbonamento dei mezzi di trasporto: il timore è che lo sconto sulla benzina riduca il passaggio dai mezzi privati a quelli pubblici, vanificando lo sforzo messo in campo con gli abbonamenti a 9 euro.

Argomenti

Iscriviti a Money.it