Under 14, deroghe per le visite ai non conviventi: regole e condizioni

Antonio Cosenza

18 Dicembre 2020 - 22:27

21 Dicembre 2020 - 17:42

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Decreto Legge sul Natale: deroghe agli spostamenti per gli Under 14. Cosa significa e a quali condizioni?

Under 14, deroghe per le visite ai non conviventi: regole e condizioni

Deroghe per gli spostamenti degli Under 14: come funzionano?

Il nuovo Decreto Natale firmato oggi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri introduce regole più severe per il periodo delle festività natalizie, in particolare sugli spostamenti. Dal 24 dicembre al 6 gennaio, infatti, tutta Italia sarà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi, mentre sarà zona arancione nei giorni lavorativi.

Per tutto il periodo, quindi, ci sarà il divieto di spostarsi tra Comuni e Regioni; nei giorni festivi e prefestivi, inoltre, saranno limitati ai soli casi di necessità, lavoro e saluti anche gli spostamenti all’interno dei confini cittadini. In deroga a queste regole, però, c’è quella che consente di fare visita ai congiunti per non più di due persone non conviventi dentro la stessa abitazione privata.

Questa regola, però, non varrà per gli Under 14, con questi che non saranno conteggiati nel numero di persone che vanno a far visita a dei non conviventi. Lo stesso vale per le persone con disabilità o per chi non è autosufficiente.

Under 14: chi sono?

Come prima cosa è bene rispondere alla domanda su chi sono effettivamente gli Under 14. Si tratta di tutti coloro che non hanno ancora compiuto i 14 anni di età.

Va detto che in fase di discussione del Decreto Natale il Premier Conte aveva chiesto di prevedere deroghe per gli Under 18, ipotesi però bocciata dai più rigoristi, ossia i Ministri Roberto Speranza, Dario Franceschini e Francesco Boccia.

Under 14: quali deroghe nel nuovo Decreto Legge?

Il nuovo Decreto Legge, come anticipato, prevede delle restrizioni per gli spostamenti. Tuttavia, viene consentito lo spostamento verso le abitazioni private - una sola volta al giorno e comunque in un arco temporale compreso tra le 05:00 e le 22:00 - verso una sola abitazione, comunque ubicata nella medesima Regione.

Il limite di persone che possono spostarsi secondo le suddette deroghe è pari a due: ma attenzione, perché è qui che entrano in gioco gli Under 14. Oltre alle due persone suddette, infatti, si aggiungono anche i minori di anni 14 ma solo quelli sui cui si esercita la potestà genitoriale.

Questo, quindi, non significa che chi ha meno di 14 anni può spostarsi in deroga ad ogni limitazione. L’unica eccezione, infatti, è quella che riguarda gli spostamenti per andare a trovare, una volta al giorno, persone non conviventi: questi sono consentiti nel limite di due persone, ma chi ha meno di quattordici anni non viene contato.

Pranzi e cene di Natale: cosa cambia con la deroga per chi ha meno di 14 anni?

Facciamo un esempio per capire come effettivamente si applica la deroga sugli spostamenti a Natale e Capodanno per andare a trovare persone non conviventi.

Prendiamo come esempio una famiglia composta da madre, padre e due figli, rispettivamente di 5 e 13 anni. Ebbene, questi possono essere ospitati per pranzo e cene di Natale, in quanto possono spostarsi in deroga alle limitazioni previste in quanto si contano solamente due persone. Possono però spostarsi solamente verso un’altra abitazione privata e comunque il rientro dovrà essere previsto entro le 22:00 (orario in cui scatta il coprifuoco).

Ma attenzione: nel caso di una famiglia composta da madre, padre e due figli, di età rispettivamente di 5 e 14 anni, la deroga sullo spostamento non si potrà applicare. Se ci si sposta per andare a trovare qualcuno, infatti, si violano le attuali restrizioni in quanto la deroga vale solo per due persone - eccetto gli Under 14 - e in questo caso il quattordicenne viene considerato come terza persona.

Al massimo, quindi, questa famiglia potrà ospitare due non conviventi per le feste, ma - a meno che uno tra madre, padre o figlio quattordicenne non resti a casa - non potrà spostarsi in blocco per far visita a qualcuno.

Va detto che per quanto riguarda le visite ai non conviventi non vi è alcun vincolo di parentela: si potrà, quindi, andare a trovare i nonni quanto degli amici.

Argomenti

# Natale

Iscriviti alla newsletter

Money Stories