A San Valentino tornano le stelle cadenti: ecco come vederle

Martino Grassi

11/02/2021

11/02/2021 - 17:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Anche a San Valentino tornano le stelle cadenti. Ecco come vedere le Psi Leonidi durante la festa degli innamorati.

A San Valentino tornano le stelle cadenti: ecco come vederle

A San Valentino tornano le stelle cadenti. Senza dubbio, quest’anno, a causa delle restrizioni imposte dal governo non potranno esserci cene romantiche al lume di candela, o viaggi all’estero o in altre regioni, durante la festa degli innamorati, tuttavia il cielo riuscirà ugualmente a rendere unica questa serata.

A partire dall’11 febbraio, il momento in cui ci sarà la luna nuova e il cielo sarà completamente buio, si potrà ammirare uno sciame di stelle cadenti chiamate Psi Leonidi, visibili anche nelle notti successive, fino a San Valentino. Ecco dunque come vederle.

A San Valentino tornano le stelle cadenti: ecco come vederle

A partire da oggi 11 febbraio e per tutta la settimana sarà possibile osservare uno sciame di meteore nel cielo, in questo periodo infatti avremo la luna nuova e dunque il cielo sarà completamente buio, per quasi tutta la settimana.

Le protagoniste dello spettacolo della notte di San Valentino saranno le Psi Leonidi, delle stelle cadenti poco veloci e molto belle da ammirare, come precisa anche l’Unione Astrofili Italiani (UAI):

“Quest’anno ci sarà la possibilità di osservare molto favorevolmente il comportamento delle Psi Leonidi (max 11/12 febbraio), data la completa assenza della Luna”.

La particolarità di queste meteore è quella di essere caratterizzate da bolidi occasionali, e dunque, con un po’ di fortuna, sarà possibile ammirarne alcuni. Questi corpi celesti hanno origine dal radiante della Costellazione del Leone, come suggerisce il nome stesso. Il picco è previsto tra la notte a cavallo tra l’11 e il 12 febbraio, ma le stelle cadenti potranno essere osservate anche nei giorni successivi, precisa ancora la UAI:

“La notte dell’11/12 febbraio di maggiore attività quest’anno sarà molto favorevole all’osservazione, sia per la completa assenza della Luna (novilunio) e sia perché il maggior numero di queste meteore è atteso nelle ore notturne (dopo il crepuscolo serale)”.

Le stelle si potranno osservare già a partire dalle 18, durante le prime ore della sera, nella zona del cielo situato a nord-est, per poi dissiparsi poco prima dell’alba, con le prime luci del mattino.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories