Sondaggio discoteche e mascherine: un plebiscito in favore della scelta del governo

I risultati del sondaggio di Money.it sull’ordinanza che impedisce il ballo nelle discoteche e impone l’uso della mascherina dalle 18.00 nei luoghi della movida: per il 75% dei rispondenti la decisione del governo è giusta.

Sondaggio discoteche e mascherine: un plebiscito in favore della scelta del governo

La scelta del governo di vietare il ballo nelle discoteche e imporre l’uso della mascherina dalle 18.00 alle 6.00 nei luoghi della movida è giusta. Questo è quanto emerge dai risultati del sondaggio di Money.it, dove il 75% dei rispondenti si è complessivamente detto favorevole all’ordinanza del governo voluta dal ministro alla Salute Roberto Speranza, dettata dall’aumento dei nuovi casi di coronavirus registrati, specie tra i più giovani, in Italia negli ultimi giorni.

Guardando l’esito del sondaggio, che ricordiamo non ha valore scientifico ma solamente indicativo non essendo realizzato a campione, si può vedere come per il 45% le discoteche non dovevano essere per nulla riaperte, mentre per il 30% la decisione è giusta in base al momento che si sta vivendo nel nostro Paese.

Per quanto riguarda il fronte dei contrari all’ordinanza, per il 14% vietare il ballo nelle discoteche e imporre l’uso delle mascherine sono provvedimenti che non hanno utilità, con l’11% che invece si è detta critica in quanto la situazione in Italia non sarebbe preoccupante.

Passato Ferragosto ricordiamo che il governo ha scelto la linea dura nei confronti della movida, ordinando la “sospensione delle attività del ballo, all’aperto e al chiuso, che abbiano luogo in discoteche e in ogni altro spazio aperto al pubblico” e “l’obbligo di mascherina anche all’aperto dalle 18.00 alle 6.00 nei luoghi dove c’è rischio di assembramento”.

Discoteche e mascherine: il sondaggio

Il governo ha aspettato che Ferragosto fosse alle spalle per chiudere tutte le discoteche. Una decisione che comunque era nell’aria, dopo che già diverse Regioni in maniera autonoma avevano messo in campo misure restrittive a riguardo.

A spaventare il governo è l’aumento dei nuovi casi di coronavirus, con l’età media dei positivi che è sensibilmente calata anche a causa dei tanti ragazzi che sono stati contagiati durante le loro vacanze all’estero.

Per il ministro alla Salute Roberto Speranza la scelta dettata dal fatto che “non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati, la nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza”.

Un provvedimento che non prevede deroghe per le Regioni e che arriva dopo che nell’ultima settimana sono stati 3.351 i nuovi casi di coronavirus registrati nel nostro Paese, soprattutto tra i giovani.

Lo scopo di questa ordinanza è di stoppare subito sul nascere i nuovi focolai, per evitare una seconda ondata di Covid che andrebbe a mettere a rischio, tra le altre cose, anche la riapertura delle scuole prevista per il 14 settembre.

Nelle ultime ore, diversi governatori da Fontana in Lombardia a Toti in Liguria, hanno però chiesto che a questi locali sia almeno consentita la possibilità di servire cibo e bevande, evitando solo il ballo.

Critico anche Matteo Salviniuna follia prendersela con i ragazzi”, mentre anche i gestori delle discoteche sono sul piede di guerra con l’associazione di categoria che non esclude un ricorso al Tar, nonostante il governo abbia assicurato fondi a sostegno del settore nel decreto Agosto.

Oggi che ci sono 3 decessi in tutta Italia e -15 ricoveri, titolo dei giornali online è sul record dei contagi!!! Vedete voi se questo è il modo di comunicare e imparare a convivere con il virus…” ha scritto lo scorso 14 agosto su FB Matteo Bassetti, uno dei medici più scettici riguardo una attuale emergenza sanitaria in Italia.

Guardando l’esito del sondaggio, appare evidente che la grande maggioranza dei rispondenti abbiano accolto con favore la scelta del governo, facendo capire come per molti cittadini quella del coronavirus è una emergenza ancora molto attuale.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories