Le regioni che hanno sospeso il vaccino AstraZeneca per i giovani

Fiammetta Rubini

11 Giugno 2021 - 13:50

condividi

In attesa che Cts e Speranza prendano una decisione, le regioni si sono già mosse. Sospeso l’Open day AstraZeneca del 9-13 giugno nel Lazio, gli appuntamenti prenotati verranno riprogrammati con Pfizer.

Le regioni che hanno sospeso il vaccino AstraZeneca per i giovani

In attesa della decisione del Cts sul vaccino AstraZeneca, alcune regioni hanno già sospeso in via cautelativa le somministrazioni del farmaco di Oxford per gli under 60.

Dopo aver dato l’ok al vaccino AstraZeneca anche per le persone sotto i 60 anni perché i benefici superano i rischi, ora AstraZeneca non va più bene a causa dei nuovi casi di trombosi verificatisi tra i soggetti giovani, anche con esito fatale.

AstraZeneca e giovani, le regioni che hanno fermato le vaccinazioni

Il responso del Comitato tecnico-scientifico sulla possibile sospensione definitiva del vaccino AstraZeneca agli under 60 è atteso per oggi pomeriggio. Alle 16 il ministro della Salute Speranza terrà una conferenza stampa.

Nel frattempo le regioni si sono mosse in autonomia con lo stop del vaccino per i giovani.

Il Lazio ha sospeso il prosieguo della Open week per gli over 18 con AstraZeneca in corso fino a domenica e ora sono in corso i richiami per chi il vaccino lo ha già fatto. L’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato ha detto che gli appuntamenti dei cittadini della fascia 18-30 anni che hanno prenotato la somministrazione della prima dose con AstraZeneca durante l’Open Week verranno riprogrammati con altri vaccini, mentre “attendiamo le prossime decisioni che noi auspichiamo rapide, chiare e inequivocabili da parte del Cts e del ministero circa modalità di utilizzo e somministrazioni e le rispettive fasce di età per il vaccino Astrazeneca,soprattutto per quanto riguarda il richiamo”

Ieri la Sicilia ha deciso per lo stop al farmaco anglosvedese ma solo per quanto riguarda le prime dosi. Proseguono gli Open day vaccinali fino a domenica, ma solo con Johnson & Johnson. Nella circolare firmata dal dirigente generale del Dasoe ad interim Mario La Rocca si legge: “In attesa di un pronunciamento ufficiale da parte del medesimo organo, si dispone in via cautelativa la sospensione con effetto immediato della somministrazione del vaccino AstraZeneca a tutti i cittadini di età inferiore ai 60 anni”.

Anche la Campania ha bloccato gli Open day AstraZeneca per ragioni di prudenza. “Non abbiamo avuto grandi problemi - spiega Vincenzo De Luca, ma le prime dosi le facciamo solo sopra i 60 anni, sotto i 60 lo utilizziamo solo per i richiami e non per le prime dosi”.

Intanto in Liguria l’azienda sanitaria Alisa ha disposto la sospensione in tutti i centri vaccinali del lotto ABX1506 del vaccino AstraZeneca, se presente, dopo la segnalazione delle due reazioni avverse che riguardano le giovani donne attualmente ricoverate al Policlinico San Martino di Genova.

Segue la decisione dell’Umbria, che blocca per la giornata odierna l’uso del vaccino negli hub per tutti gli under 60, e quella della Valle d’Aosta, che ha cancellato i due Open day in programma 12 e 13 giugno ad Aosta e Donnas.

Iscriviti a Money.it