Rc auto: scende di 40€ il costo delle assicurazioni. In arrivo il contrassegno dematerializzato

Linda Tiralongo

3 Luglio 2015 - 11:53

condividi

Assicurazioni auto: il costo delle polizze assicurative è in calo nel 2014; ad ottobre in arrivo il contrassegno dematerializzato per la lotta all’evasione. Ecco i dati dell’Ania.

Rc auto: scende di 40€ il costo delle assicurazioni. In arrivo il contrassegno dematerializzato

Novità in arrivo per il mondo dell’Rc auto: in calo del 7% le tariffe delle polizze assicurative per il 2014 e contrassegno dematerializzato da ottobre 2015. Ecco una panoramica del settore assicurativo per l’anno concluso.

Sono stati diffusi i dati dell’Ania in occasione dei lavori che si sono tenuti a Roma, presieduti dall’assemblea nazionale dell’associazione.
Si è discusso sul calo del 7% del costo medio delle polizze assicurative rispetto al 2013 e sull’introduzione del contrassegno dematerializzato, ma il dibattito si è acceso anche sulla lotta all’evasione e sui maggiori poteri da attribuire all’authority del settore.

Non sono mancati, inoltre, i riferimenti al confronto con la media europea delle tariffe applicate al ramo Rc auto e al divario tra nord e sud Italia.

Al tavolo tecnico sono intervenuti anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il presidente dell’Ivass Salvatore Rossi e il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi.

Assicurazioni auto: calo del 7% sulle tariffe medie

Tra i dati registrati dall’osservatorio Ania, spicca il 7% di calo del costo medio delle polizze assicurative. Ciò significherebbe che la tariffazione media delle assicurazioni nel 2014 sarebbe sceso di 40 euro per veicolo. La cifra è stata accolta, però, con relativo apprezzamento, considerato il confronto con la media dei Paesi europei virtuosi come Germania, Francia, Spagna e Regno Unito da cui l’Italia si scosta ancora parecchio.
La differenza è infatti, ancora considerevole: 177 euro di divario rispetto al costo medio europeo delle polizze assicurative.

Secondo i dati Ania appare consistente, inoltre, il gap del costo medio delle assicurazioni tra nord e sud Italia, dove le tariffe subiscono scostamenti fino al 50% .

Il calo del 7% è allora una buona notizia?
Si potrebbe rispondere di sì se si guarda il dato da questa prospettiva: il fatto che i costi dei premi delle assicurazioni auto siano scesi del 7% ha prodotto un un risparmio di 1,3 miliardi di euro per gli italiani che hanno speso in media 475 euro a veicolo, contro i 515 euro del 2013. Ma guardando alle cause?

Il calo è avvenuto per due fattori:

  • il calo di oltre il 2% dei sinistri
  • l’aumento dei “non assicurati”.
    Ma questa non sarebbe di certo la ricetta perfetta.

Come ribadisce Aldo Minucci, presidente dell’Ania ,

se si vuole rendere strutturale il calo dei prezzi è necessario e urgente che ci siano nuovi interventi normativi che contengano il costo dei sinistri, poiché sono proprio i risarcimenti degli incidenti a pesare su aumenti o diminuzioni dei costi delle polizze.

Assicurazioni: dematerializzazione dal 18 ottobre
Dopo l’estate partirà la dematerializzazione del contrassegno assicurativo.
Considerato un valido deterrente contro l’evasione dalla associazione Ania, il contrassegno dematerializzato sostituirà l’attuale cartaceo e produrrà benefici su tutti gli assicurati. In che modo?
Come dichiara Minucci :

In Italia si stima circolino 3,9 milioni di veicoli senza copertura.Tutti gli assicurati, debbono pagare un sovrapprezzo destinato al Fondo Garanzia per risarcire gli incidenti causati dai non assicurati.

Per far sì che la dematerializzazione sia uno strumento efficace, in tempi brevissimi deve essere modificato l’articolo 201 del codice della strada così da abilitare i dispositivi telematici di rilevamento a distanza" alla lettura delle targhe dei veicoli combinata con l’accesso all’archivio delle coperture assicurative.

Già da ieri è attivo un altro strumento: la pagella assicurativa dell’automobilista che dà la possibilità di conoscere il proprio comportamento alla guida attraverso i siti delle compagnie.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Correlato