Quanto tempo prima andare in aeroporto

22 Settembre 2021 - 00:06

condividi

Una formula pratica e semplice ti permetterà di capire con quanto anticipo è bene recarsi all’aeroporto.

Quanto tempo prima andare in aeroporto

Viaggiare per molte persone è un vero incubo dal punto di vista dell’organizzazione.

Prendere un volo poi è spesso un’operazione complessa sul fronte delle prenotazioni, per non parlare dell’arrivo in aeroporto, un’incognita per molti dal punto di vista delle tempistiche a causa dei lunghi controlli.

Quanto tempo prima andare in aeroporto è quindi un quesito piuttosto diffuso.

Arrivare in ritardo potrebbe rischiare di farvi perdere il volo. Per sventare questa nefasta prospettiva gli esperti però hanno elaborato un metodo infallibile per stabilire con quante ore di anticipo è bene presentarsi in prossimità dei gate.

Esistono infatti una serie di fattori di cui bisogna tenere conto: li abbiamo riassunti qui per voi. Grazie a questa pratica guida potrete quindi calcolare quanto tempo prima presentarvi all’imbarco senza l’ansia di rovinare il vostro viaggio.

Quando è bene arrivare in anticipo all’aeroporto

Un ampio margine di anticipo è il nostro miglior alleato, serve giusto un po’ di organizzazione in più per sventare imprevisti che potrebbero rivelarsi fatali.

La pianificazione deve prevedere tutti i possibili ostacoli sul percorso, ovvero incidenti stradali ma anche scioperi e traffico inaspettato.

Studiare la strada e le condizioni ideali per mettersi in auto verso la meta è un buon punto di partenza per evitare che qualsiasi contrattempo possa diventare un problema.

La regola numero uno da sapere è questa: il banco del check-in apre 2 ore prima della partenza del volo di riferimento e solo dopo aver imbarcato il proprio bagaglio e aver superato tutti i controlli di sicurezza è sensato concedersi un po’ di relax.

I giri tra i duty free e i punti di ristoro però non devono occupare troppo del vostro tempo perché l’orario di partenza del volo non corrisponde con l’orario di imbarco e il margine che intercorre tra i due è necessario per smistare la folla dei passeggeri.

Solitamente infatti l’imbarco inizia circa 40 minuti prima della partenza del volo e viene chiuso circa 15 minuti prima del decollo. Una volta superato questo limite non sarà possibile salire a bordo.

Rispettare i tempi segnalati dalle compagnie è fondamentale sopratutto in questi casi specifici:

  • l’aeroporto di partenza è particolarmente grande e trafficato
  • la data del vostro volo è durante un periodo di alta stagione
  • sarete sottoposti a controlli extra (visto, permessi, merci da dichiarare alla dogana)
  • viaggiate con animali
  • avete bagagli extra (strumenti musicali, tavole da surf, ecc.)
  • avete bisogno di assistenza speciale

Il miglior consiglio: check-in online

La pratica del check-in online è la soluzione migliore per velocizzare i tempi d’imbarco e numerose compagnie aeree la adottano.

È possibile effettuarla nel caso in cui non si abbiano bagagli da imbarcare anche perché questo vi consentirà di ridurre i tempi della coda tanto da potervi comodamente recare in aeroporto anche un’ora prima della partenza per un viaggio nazionale e un’ora e mezzo prima di un imbarco per un volo internazionale.

In caso contrario, due ore di anticipo rispetto all’orario di partenza sono auspicabili. Unica eccezione sono i voli intercontinentali (detti voli a lungo raggio) in cui tre ore di anticipo rispetto all’orario di partenza sono caldamente consigliate a causa della mole di controlli aggiuntivi da effettuare.

La formula per non essere mai in ritardo varia da caso a caso ma sommando questi valori di riferimento otterrete una regola sempre valida che somma:

  • tempo medio di percorrenza dall’abitazione all’aeroporto
  • ore di anticipo richieste in base alla tipologia del volo da prendere
  • 30 minuti di sicurezza per prevenire tutti gli imprevisti

Detto questo, non resta che godersi il decollo alla volta della vostra meta.

Argomenti

# Aereo

Iscriviti a Money.it