Proroga Ape sociale 2021: quali requisiti di accesso?

Quali saranno i requisiti di accesso alla pensione con l’Ape sociale prorogata anche nel 2021?

Proroga Ape sociale 2021: quali requisiti di accesso?

Si è palesata, da parte del ministro del Lavoro, l’intenzione di prorogare l’Ape sociale e l’opzione donna anche per il 2021 come misure da inserire nella prossima legge di Bilancio. In ogni caso, ci preme sottolinearlo, finché non sarà pubblicata la prossima legge Finanziaria non sarà possibile avere la certezza che tale proroga venga realmente attuata né quali saranno i requisiti richiesti per accedervi.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno
In caso di proroga dell’ape social vorrei sapere se rientro nei quesiti richiesti
Compio 63 anni il 31 dicembre 2021.
Sono disoccupata da febbraio 2017 ho percepito la naspi fino al 2019.
Ho trentatré anni e mezzo di contributi Inps più i due anni figurativi della Naspi.
Grazie in anticipo”

Proroga Ape sociale 2021

La proroga che si sta ipotizzando per l’Ape sociale, che ogni giorno sembra essere più certa, prevede il pensionamento con la misura di tutti coloro che raggiungono i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2021.

Da quello che sta trapelando i requisiti anagrafici e contributivi richiesti dovrebbero rimanere invariati rispetto al 2020 e quindi occorrerebbero per l’accesso 63 anni di età e 30 o 36 anni di contributi (in base al profilo di tutela di appartenenza).

La grossa novità che dovrebbe portare la legge di Bilancio 2021 con la proroga riguarderebbe un ampliamento dei beneficiari della misura visto che si sta parlando di concedere il pensionamento con l’Ape sociale anche a disoccupati che non hanno potuto fruire della Naspi e a lavoratori fragili che, per patologie in essere, rischiano conseguenze molto gravi in caso di contagio da COVID-19.

Nel suo caso, quindi, se la proroga dovesse essere così some annunciata, raggiungendo i 63 anni proprio il 31 dicembre 2021 e avendo maturato oltre 33 anni di contributi rientrerebbe nell’ipotesi di pensionamento prevista per i disoccupati che hanno perduto involontariamente il lavoro e che hanno terminato di percepire l’intera indennità di disoccupazione spettante da almeno 3 mesi (a patto che dal termine della disoccupazione non abbia svolto altri lavori, anche con contratti a termine di pochi giorni).

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

APE Sociale

Iscriviti alla newsletter

Money Stories