Sul fronte del prezzo dei carburanti ad oggi 5 giugno 2020, sembra esserci calma piatta. Le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo sono abbastanza stabili, il costo della benzina e quello del diesel si alternano in piccoli saliscendi anche contrastanti. Scopriamo i livelli dei prezzi medi.

Prezzo benzina: calma piatta

Nessun aumento o diminuzione degna di nota nel prezzo dei carburanti come riportato anche dall’ANSA. Per quanto concerne il self service, il prezzo medio nazionale della benzina è di 1,377 euro al litro. Si va dall’1,357 del No logo all’1,390 di Agip Eni. Il prezzo medio del diesel è 1,262 euro al litro, con un range tra 1,243 del No logo all’1,275 euro al litro di Agip Eni.

Il prezzo medio in Italia della benzina in modalità servito è di 1,528 €/lt., compreso tra 1,415 €/lt. e 1,584 €/lt. Il diesel riferito sempre al prezzo medio sul servito è di 1,416 euro/litro e parte da 1,301 €/lt. per arrivare a 1,469 €/lt.

Il prezzo del GPL praticato dal servito è compreso tra 0,573 euro al litro e 0,601 euro al litro. Il costo del metano va da 0,970 euro al Kg fino a 0,998 euro al kg.

Una riunione OPEC+ è prevista per sabato 6 giugno 2020. Ci si attende una decisione che segua la strada di una forte riduzione della produzione del petrolio che comporterebbe un aumento del prezzo e conseguentemente l’innalzamento anche dei prezzi dei carburanti. Tuttavia, non è da escludere che un forte taglio possa essere rimandato a luglio o ad agosto.

Il COVID-19 ha provocato un crollo vertiginoso del prezzo del petrolio nonostante ci siano stati dei forti tagli di produzione ad aprile. Alla riapertura del 18 maggio 2020 che ha segnato la fine del lockdown, il prezzo medio della benzina in Italia era a 1,356 €/litro e quello del diesel a 1,247 €/litro.

A distanza di 2 settimane il prezzo medio della benzina è aumentato di 0,14 euro al litro e quello del diesel di 0,13 €/lt.