Pin bar trading e swing area

La strategia della pin bar applicata sui probabili “turning point” del mercato

Pin bar trading e swing area

L’operatività di swing trading effettuata con la strategia “pin bar” può essere molto produttiva, soprattutto a partire da zone molto importanti del mercato, le cosiddette key area. Queste particolari regioni del prezzo non sono altro che supporti e resistenze di grande rilievo tecnico per gli investitori, non solo quelli di breve termine. Tra le key area più importanti troviamo le swing area, intese come zone del prezzo caratterizzate dallo “scambio di ruolo” tra supporto e resistenza. E’ qui che si trovano i più probabili punti di svolta nella direzione del trend del mercato.

Il grafico giornaliero del tasso di cambio NZD/USD (dollaro neozelandese su dollaro americano) evidenzia una swing area piuttosto netta poco sotto 0,7240. A un certo punto, il breakout ribassista del supporto diventa un possibile momento di inversione. La conferma arriverà di lì a poco, quando sulla stessa swing area – ora diventata una zona di resistenza – viene a configurarsi una pin bar. La stessa candlestick è tra l’altro una candela outside day, ovvero il suo range avvolge completamente il range della candela precedente.

Il segnale ribassista appare sin da subito evidente. Il rapporto rischio/rendimento non può che essere molto favorevole, soprattutto in vista del possibile cedimento della struttura supportiva di breve termine posta intorno a 0,7140. Entrando short a 0,7180 si sarebbe potuto approfittare della successiva discesa dei prezzi fino al supporto chiave posto tra 0,69 e 0,6890. In pratica il price action trader avrebbe potuto incassare tranquillamente un profitto anche superiore a 4 volte l’ammontare del rischio iniziale. Niente male per uno swing trade di breve termine.

Alla prossima pillola!

Nicola D’Antuono

Iscriviti alla newsletter

Argomenti:

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.