Permessi legge 104 per disabile ricoverato, quando spettano?

Lorenzo Rubini

27/05/2021

27/05/2021 - 14:57

condividi

È possibile fruire dei permessi legge 104 quando il disabile da assistere è ricoverato in una struttura residenziale? Scopriamo cosa prevede la normativa e l’INPS al riguardo.

Permessi legge 104 per disabile ricoverato, quando spettano?

I permessi legge 104 permettono l’assistenza mensile di un familiare con grave handicap ai sensi dell’articolo 3, comma 3. La Legge 104, in ogni caso, prevede che possano essere fruiti dal lavoratore solo quando il disabile da assistere non sia ricoverato a tempo pieno in una struttura ospedaliera pubblico o privata che offre assistenza sanitaria continuativa.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, le scrivo per un problema a cui non riusciamo a trovare soluzione. Son la zia di M. 20enne che risiede nella struttura residenziale a Palermo. Le anticipo che le uscite della ragazza per recarsi a casa dove vieni accudita dal l’unico genitore, sono nella norma, giustamente prima di fare rientro in struttura fa tampone molecolare e così facendo Martina continua i rapporti con il padre e la sorellina essendo orfana di madre da 2 anni . Il problema di mio cognato è legato alla 104 ai 3 giorni mensili che dicono non può più usufruire perché M. risiede in una struttura, ma se consideriamo il fatto che mio cognato porta Martina a casa ogni volta che può e che a parte lui nessun altro la può assistere, come mai non può usufruire dei 3 giorni della 104 ? Sino al mese scorso si è preso ferie ma adesso le ha finite tutte e anche sotto di 24 ore,Ora siamo in una situazione che mio cognato non ha più ferie e non avendo i 3 giorni della 104. Ho letto di alcune deroghe e della circolare n* 32/2012 e anche di una sentenza in cui si accordavano i 3 giorni della 104 anche se la madre era ricoverata, ma sinceramente non ho capito la differenza tra RSA, struttura alberghiera e residenziale di conseguenza non so come aiutare mio cognato a poter usufruire dei 3 giorni della 104 quando porta M. a casa.Le sarei infinitamente grata se mi potesse aiutare intanto a capire e poi a vedere se fosse possibile come inoltrare la richiesta con le giuste motivazioni per non rischiare che venga rigettata. Cordiali saluti”

Permessi 104 disabile ricoverato

Il ricovero rilevante ai fini della normativa, infatti, è quello per le intere 24 ore presso strutture ospedaliere pubbliche o private che assicurano assistenza sanitaria ai soggetti ricoverati.

Nella circolare INPS 155 del 2010 al punto 3, infatti, si legge che per ricovero a tempo pieno si intende quello in strutture ospedaliere, pubbliche o private, che offrono assistenza sanitaria in via continuativa. Di fatto, quindi, la possibilità di fruire dei permessi in caso di familiare da assistere ricoverato è legato alle prestazioni che la struttura di ricovero offre.

Nella circolare in questione, infatti, viene sottolineata la necessita di presenza di cure sanitarie continue e questo pone una differenza tra una struttura sanitaria e una di tipo residenziale.

Da quanto previsto dalla circolare INPS, quindi, si deduce che se il disabile è ricoverato presso una struttura residenziale di tipo sociale (che non offre, quindi, assistenza sanitaria continuativa) il familiare che lo assiste può godere dei 3 giorni di permessi previsti dalla legge 104.

La stessa notizia, poi, è desumibile anche dal punto 5 della circolare del Dipartimento Funzione Pubblica numero 13, del 6 dicembre 2010, nella quale si legge la puntualizzazione del ricovero “presso strutture ospedaliere o simili, pubbliche o private, che assicurano assistenza sanitaria continuativa”.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it