Pensione: quando il riscatto agevolato della Laurea conviene?

Lorenzo Rubini

19 Aprile 2021 - 15:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Non sempre ai fini previdenziali è conveniente riscattare la Laurea soprattutto se i contributi riscattati non permettono un reale anticipo sulla pensione.

Pensione: quando il riscatto agevolato della Laurea conviene?

Riscattare la laurea, sia con metodo agevolato che con quello tradizionale, significa valorizzare ai fini previdenziali gli anni dedicati allo studio universitario. Siccome l’onere, anche nel caso del riscatto agevolato, potrebbe essere anche abbastanza pesante, prima di affrontarlo è bene comprendere se permette un anticipo sulla pensione oppure no.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno sono G. e vorrei avere una consulenza sulla convenienza o meno di richiedere il riscatto agevolato della laurea quadriennale essendo un dipendente pubblico assunto nell’aprile del 1992 ed essendo nato il 14 aprile del 1965.
Rimango in attesa di vostra cortese informazione su come procedere.”

Pensione: conviene il riscatto agevolato della laurea?

Come anticipavo in apertura, il riscatto laurea risulta essere conveniente solo qualora permetta di anticipare la pensione. Sostenere l’onere solo per «aumentare» l’importo della pensione, infatti non ha molto senso poichè si ammortizza in decine di anni.

Nel suo caso specifico, avendo 57 anni e 29 anni di contributi raggiungerebbe la pensione di vecchiaia tra 10 anni, al compimento dei 67 anni di età più eventuale adeguamento all’aspettativa di vita Istat, e la pensione anticipata tra circa 14 anni al raggiungimento dei 42 anni e 10 mesi di contributi più eventuali aumenti per adeguamento.

Anche riscattando i 4 anni di laurea, quindi, potrebbe raggiungere la pensione anticipata con un anticipo di un quadriennio, in coincidenza con il diritto di accesso alla pensione di vecchiaia. Nel suo caso quindi, il riscatto laurea non le permette nessun anticipo sulla pensione e sarebbe costretto, in ogni caso ad accedere sempre al compimento dei 67 anni.

Discorso diverso se, ad esempio, venisse introdotta nei prossimi anni una misura che permette il pensionamento con meno anni di contributi e il riscatto degli anni di studi le permettesse l’accesso, allora in quel caso forse converrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di sostenere l’onere.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter