Pensione di vecchiaia con 22 anni di contributi: perchè non me la riconoscono?

Lorenzo Rubini

29 Giugno 2021 - 13:30

condividi

In alcuni casi anche in presenza di 20 anni di contributi la pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni potrebbe non spettare.

Pensione di vecchiaia con 22 anni di contributi: perchè non me la riconoscono?

Potrebbe sembrare strano che la pensione a 67 anni con 22 anni di contributi non venga riconosciuta. Da sempre, infatti, quello che sappiamo è che a 67 anni di età con almeno 20 anni di contributi la pensione di vecchiaia spetta. Ma non è sempre così poichè dipendente da quando sono stati versati i contributi.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Salve io sono un disabile al 100% e l’INPS nel 2016 mi ha dichiarato inabile al lavoro e per un vizio di forma non vi vogliono riconoscere la pensione di anzianità, io ho 22 anni di contributi e c’è ne vogliono 20, è Loro non vi vogliano riconoscere la pensione,se voi mi sapete dire qualcosa in merito ve ne sarei grato, cordiali saluti.”

67 anni senza pensione di vecchiaia

Non sempre a 67 anni i 20 anni di contributi bastano. Ad esempio se tutti gli anni di contributi ricadono nel sistema contributivo è necessario soddisfare anche il requisito dell’importo dell’assegno previdenziale.

Per chi, quindi, ha contributi versati a partire dal 1996 (o con computo nella Gestione Separata) per avere diritto alla pensione al compimento dei 67 anni, oltre ad aver accumulato almeno 20 anni di contributi è necessario che l’importo dell’assegno che si andrà a percepire sia pari o superiore a 1,5 volte l’assegno sociale INPS (che nel 2021 ammonta a 460 euro mensili, si parla quindi di una pensione mensile di 690 euro circa).

Per chi ha contributi versati a partire dal 1996, quindi, e non soddisfa il requisito dell’importo dell’assegno previdenziale, quindi, la pensione non viene liquidata al compimento dei 67 anni ma sarà necessario attendere di compiere i 71 anni quando si avrà diritto all’assegno indipendentemente dall’importo.

Potrebbe essere questo il motivo per cui non le viene riconosciuta la pensione di vecchiaia pur avendo superato i 20 anni di contributi maturati? Le consiglio di informarsi tramite un patronato perché se il problema è questo le basterà attendere di compiere i 71 anni per avere diritto alla sua pensione.

Se invece il problema è un altro, sempre tramite patronato potrebbe tentare di risolvere il vizio di forma che sostiene ci sia nel riconoscerle la pensione di vecchiaia.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it