Pensione anticipata a 64 anni con soli 20 anni di contributi, anche nel 2021?

Lorenzo Rubini

17 Dicembre 2020 - 12:48

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Anche nel 2021 sarà possibile accedere alla pensione anticipata contributiva? Scopriamo se ci sono novità per il prossimo anno.

Pensione anticipata a 64 anni con soli 20 anni di contributi, anche nel 2021?

Con soli 20 anni di contributi non è possibile accedere soltanto alla pensione di vecchiaia ma anche ad una misura anticipata che non moltissimi prendono in considerazione.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, compio 64 anni a febbraio 2020 ed ho maturato 20 anni di contributi. Ho iniziato a lavorare molto tardi perchè ho scelto, prima di crescere i figli. Il primo contributo accreditato, pertanto, è stato solo nel 1998. Non ho altra contribuzione prima. Ho letto che è possibile accedere alla pensione con 64 anni e con 20 anni di contributi, ma sarà possibile anche per chi i 64 anni li compie nel 2021? Vorrei sapere se rientro in questa misura.”

Pensione anticipata a 64 anni

La pensione anticipata contributiva, che permette il pensionamento al compimento dei 64 anni e con soli 20 anni di contributi a patto di rispettare i requisiti contributivi e di importo dell’assegno, resterà in vigore, invariata, anche per il 2021.

Può accedere a questa misura, però, soltanto il lavoratore che ha versato tutti i suoi contributi successivamente al 1995 (o in alternativa che scelga il computo nella Gestione Separata) a patto che l’importo dell’assegno che si andrà a liquidare sia pari o superiore a 2,8 volte l’assegno sociale INPS, che ricordiamo avere un importo, nel 2020, pari a 459 euro mensili.

Pur avendo maturato tutti i suoi 20 anni di contributi a partire dal 1998, quindi, e pur compiendo i 64 anni di età non so dirle con certezza se rientra nella misura poichè deve farsi calcolare l’importo dell’assegno previdenziale che andrà a prendere.

Se non rientra nella misura anticipata potrà accedere alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni a patto che l’importo del suo assegno sia pari o superiore a 1,5 volte l’assegno sociale INPS (questo requisito non si applica a chi ha contributi versati anche prima del 1996).

Se anche in questo caso non riesce ad ottenere la pensione, poi, avrebbe possibilità di pensionamento al compimento dei 71 anni grazie alla pensione di vecchiaia contributiva che, però, non richiede alcun requisito sull’importo dell’assegno previdenziale.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories