Pensione anticipata a 58 e 64 anni: quali possibilità ci sono?

Rispondiamo ad una serie di domande presentare dai nostri lettori sulla possibilità di un pensionamento anticipato.

Pensione anticipata a 58 e 64 anni: quali possibilità ci sono?

Il tema del pensionamento anticipato è sempre molto caldo perché i lavoratori, impazienti di lasciare il mondo del lavoro per la quiescenza, cercano il modo più veloce per accedere alla tanto attesa pensione.

In questo articolo provvederemo a rispondere ad una serie di domande che ci hanno posto alcuni lettori di Money.it, proprio sulla pensione anticipata.

Pensione anticipata a 58 e 64 anni

  • “Buongiorno, sono una dipendente privata nata nel 1962, lavoro dal novembre 1979 senza interruzione, mi dicono che andrò in pensione in agosto 2021 e dovrò attendere 3 mesi per riceverla, per favore chiedo conferma anche a voi per essere tranquilla, ringrazio e porgo cordiali saluti”

Lavorando da novembre 1979 ha accumulato, a fine ottobre 2020, 41 anni di contributi. Le confermo che ad agosto 2021 raggiungerà i 41 anni e 10 mesi necessari alle donne per accedere alla pensione anticipata prevista dalla Legge Fornero.

La decorrenza del suo trattamento pensionistico dovrebbe essere, considerando anche la finestra di attesa di 3 mesi, al 1 dicembre 2021.

  • “Voglio vedere se posso andare in pensione a 64 anni e 32 anni di contributi.”

Purtroppo con i suoi requisiti non ci sono possibilità di poter anticipare la pensione, a meno che non rientri nei profili di tutela dell’Ape sociale che permettono l’accesso con 63 anni di età e 30 anni di contributi (disoccupati, invalidi e caregiver).

Se non rientra nella possibilità di accedere con l’Ape sociale l’unica alternativa di pensionamento che le resta è con la misura di vecchiaia al compimento dei 67 anni (più eventuale aumento per adeguamento alla speranza di vita Istat).

  • “Cortesemente desidererei una risposta al seguente quesito: Attualmente sono in servizio statale come insegnante, compio a ottobre 2020 64 anni. Maturerò 38 anni di contribuzione a dicembre 2021. Posso andare in pensione con la quota 100, considerato che la finestra per i pensionamenti della scuola, si chiude ad agosto 2022. Cordiali saluti e vi ringrazio anticipatamente”

Certamente potrà accedere al pensionamento con la quota 100, lo stesso decreto che ha introdotto la misura, infatti, chiarisce che la possibilità di pensionamento è riservata a coloro che entro il 31 dicembre 2021 raggiungono i requisiti di accesso (sia l’anagrafico che il contributivo).

Nel suo caso, raggiungendo entrambi i requisiti entro la fine del 2021 potrà accedere al pensionamento con la prima finestra di uscita disponibile per i dipendenti del comparto scuola il 1 settembre dell’anno successivo, presentando, in ogni caso, domanda di cessazione dal servizio entro la data stabilità dal MIUR per i pensionamenti 2022 (solitamente le domande di cessazione si presentano a dicembre dell’anno precedente).

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1328 voti

VOTA ORA