Pensione a 53, 55 e 64 anni: le possibilità di uscita

Lorenzo Rubini

30 Dicembre 2020 - 12:08

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Vediamo quali sono le possibilità di pensionamento offerte a chi oggi ha 53, 55 e 64 anni di età in base all’attuale normativa.

Pensione a 53, 55 e 64 anni: le possibilità di uscita

Non sempre è necessario attendere i 67 anni per poter accedere alla pensione. Grazie ad un certo numero di misure che permettono la pensione anticipata previste dalla normativa previdenziale vigente, infatti, in molti casi è possibile lasciare prima il mondo del lavoro.

Rispondiamo, in questo articolo, a diversi lettori di Money.it che ci hanno scritto per porre i loro quesiti.

Pensione anticipata prima e dopo i 60 anni

  • “Buonasera, Io a febbraio faccio 64 anni con 38 anni di contributi, ho iniziato a lavorare nel 1975 purtroppo ho avuto un lavoro molto discontinuo, Quali possibilità ho di andare in pensione il prossimo anno? ”

Potrebbe accedere al pensionamento fin da subito con la quota 100 avendo raggiunto i requisiti richiesti dalla misura che sono di almeno 38 anni di contributi e di almeno 62 anni di età.

  • “Buongiorno mi permetto cortesemente di scrivere due parole sul mio stato attuale di lavoratore. Io sono dipendente della ditta di mio suocero adesso e lavoro ininterrottamente dal 1983 gennaio e ho facendo due conti tanti contributi ( premetto io sono del 1965) vorrei sapere dalle vostre competenze anche magari usufruendo della naspi..quanto devo attendere per pensione anticipata.. attendo vs. Grazie saluti ”

Con 37 anni di contributi e 55 anni di età, se ha almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni, potrebbe rientrare nel pensionamento con la quota 41 se dovesse venire licenziato. Attualmente, però, anche fruendo dei 2 anni di Naspi non raggiungerebbe i 41 anni di contributi richiesti dalla misura per l’accesso.

L’alternativa è quella di continuare a lavorare ancora per 2 anni e poi, se possibile fruire dei 2 anni di Naspi per raggiungere, al termine dell’indennità di disoccupazione, i 41 anni di contributi richiesti.

Se, invece, non ha i 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni, l’unica alternativa di pensionamento anticipato resta quella di raggiungere i 42 anni e 10 mesi di contributi richiesti per la misura anticipata ordinaria.

  • “Buongiorno, io compirò 53 anni il 1 gennaio 2021 e a giugno 2021 avrò 37 anni di contributi. Ho iniziato a lavorare sempre in regola all età di 16 anni nel 1984 , purtroppo il 16 gennaio rimarrò a casa ...mi può dire la mia situazione . Grazie. ”

Se anche percepisse 2 anni di Naspi arriverebbe al massimo a 39 anni di contributi che non le permettono l’accesso alla pensione.Versando i 2 anni di contributi mancanti, però, potrebbe accedere alla pensione quota 41 come precoce disoccupata, ma solo se la perdita del lavoro è a seguito di licenziamento.

In alternativa deve raggiungere i 41 anni e 10 mesi di contributi per poter accedere alla pensione anticipata ordinaria o attendere il compimento dei 67 anni per accedere alla pensione di vecchiaia.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories