PIL Italia: cosa è accaduto davvero nel 2° trimestre dell’anno secondo Confcommercio

PIL Italia: le ultime stime di Confcommercio sull’economia nostrana fanno chiarezza sul 2° trimestre

 PIL Italia: cosa è accaduto davvero nel 2° trimestre dell'anno secondo Confcommercio

Le ultime stime sul PIL dell’Italia sono state formulate da Confcommercio, che ha tentato di chiarire quanto accaduto nel secondo trimestre dell’anno.

Come era ovvio che fosse, gli analisti dell’Ufficio Studi hanno parlato di una flessione a doppia cifra percentuale.

Il lockdown, d’altronde, ha compromesso gran parte dell’attività produttiva del 2° trimestre e il PIL d’Italia ne ha inevitabilmente risentito.

Confcommercio su PIL Italia: cosa è successo davvero nel 2° trimestre

Secondo l’ultima congiuntura resa nota da Confcommercio il PIL italiano ha registrato flessioni a doppia cifra percentuale nel 2° trimestre. Nello specifico:

  • -18% rispetto al 1° trimestre 2020 (base trimestrale);
  • -22,5% rispetto al 2° trimestre 2019 (base annua).

Nello stesso arco di tempo i consumi sono crollati del 29,7% rispetto al pari periodo dello scorso anno. La domanda di beni e servizi è stata la più colpita, con un tonfo del 54,5%.

Nonostante la vivacità e il coraggio del tessuto imprenditoriale tricolore, si legge nel report, sarà necessaria una revisione della variazione del PIL 2020 del -9% o anche -10%. E questo per due ordini di motivi: il tonfo di aprile (più profondo del previsto) e il lento recupero di maggio e giugno.

Si pensi soltanto alla produzione industriale (rimbalzata a maggio sul mese precedente ma ancora in calo del 20,3% su base annua), all’occupazione (-0,4% su base congiunturale e -2,6% su base tendenziale) o al sentiment delle imprese del retail (rispettivamente +16,3% e -25,4%).

“Se il Pnr non dovesse portare ai risultati sperati, cioè a un incremento strutturale del tasso di crescita del prodotto potenziale e, quindi, del prodotto osservato, la pandemia comporterà un nuovo equilibrio di sotto-occupazione con espulsione permanente di occupati dal mercato del lavoro, maggiore spesa per l’assistenza e, in definitiva, un contesto macroeconomico compromesso”.

Il report non ha lasciato spazio a dubbi di sorta.

Argomenti:

Confcommercio

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1172 voti

VOTA ORA