Obbligazioni convertibili e obbligazioni cum warrant: cosa sono e come funzionano

Cosa sono le obbligazioni convertibili e le obbligazioni cum warrant? Di seguito la guida completa per conoscere al meglio questi due strumenti finanziari

Obbligazioni convertibili e obbligazioni cum warrant: cosa sono e come funzionano

Le obbligazioni convertibili, così come le obbligazioni cum warrant, conferiscono ai possessori il diritto alla sottoscrizione dei titoli azionari della società emittente.

In sostanza, al momento della sottoscrizione da parte del risparmiatore, connesso all’obbligazione tradizionale viene emesso anche un warrant, ossia il diritto a sottoscrivere azioni ad un determinato prezzo.

Tale titolo addizionale dà la possibilità di effettuare un investimento aggiuntivo rappresentato dalla sottoscrizione di ulteriori azioni con tempi, modi, quantità e prezzi predefiniti.

In questa guida completa vediamo le caratteristiche, il funzionamento e le principali differenze fra le obbligazioni convertibili e quelle cum warrant.

Obbligazioni convertibili: cosa sono e come funzionano

Le obbligazioni convertibili sono titoli ibridi, ossia che si trovano in posizione intermedia tra i titoli obbligazionari e i titoli azionari.

Il loro possessore ha la facoltà di decidere se rimanere creditore della società emittente per tutta la durata del prestito, oppure, in determinati periodi prestabiliti, convertire il proprio status da creditore ad azionista sulla base di un rapporto di cambio predeterminato nel regolamento di emissione.

La facoltà di conversione rappresenta un’opzione che viene implicitamente venduta dall’emittente al sottoscrittore; a fronte di ciò l’obbligazionista percepisce un rendimento calcolato in funzione di un tasso nominale inferiore a quello di un’obbligazione ordinaria di pari caratteristiche, poiché tale differenza risulta essere il premio dell’opzione. Le obbligazioni convertibili non possono essere emesse a un prezzo inferiore al valore nominale e devono essere offerte in opzione ai soci.

Gli elementi caratteristici di una obbligazione convertibile sono:

  • il metodo di conversione: diretto (qualora le azioni di compendio siano dello stesso emittente delle obbligazioni), o indiretto (qualora le azioni di compendio siano emesse da una società diversa dall’emittente delle obbligazioni);
  • il prezzo di conversione (o rapporto di conversione), che esprime il numero di azioni ottenibili per ogni obbligazione;
  • il periodo di conversione, che rappresenta il periodo (o i periodi) a partire dal quale è possibile chiedere la conversione.

Obbligazioni cum warrant: cosa sono e come funzionano

Le obbligazioni cum warrant sono simili alle obbligazioni convertibili in quanto il possessore ha la facoltà di acquistare un determinato quantitativo di azioni ad un prezzo prefissato.

Tuttavia, le obbligazioni cum warrant si differenziano dalle obbligazioni convertibili per i seguenti aspetti:

  • tale diritto è incorporato in uno strumento, il warrant, che può essere staccato dall’obbligazione e circolare autonomamente sul mercato;
  • l’obbligazione continua ad esistere anche a seguito dell’esercizio del warrant (mentre l’obbligazione convertibile cessava di esistere all’atto della conversione);
  • per acquistare le azioni di compendio è richiesto un ulteriore esborso di denaro, rispetto alla somma già investita nell’obbligazione, pari al prezzo di esercizio prestabilito moltiplicato per il numero delle azioni di compendio.

Analogamente alle obbligazioni convertibili, le obbligazioni cum warrant possono essere emesse con metodo diretto, qualora l’emittente delle azioni di compendio coincida con l’emittente delle obbligazioni o con metodo indiretto, qualora le azioni di compendio siano di una società diversa.

Obbligazioni convertibili e cum warrant: quali sono le differenze?

A prima vista potrebbe sembrare che le due tipologie di obbligazioni siano identiche, dal momento che permettono al sottoscrivente di acquistare azioni ad un prezzo prefissato.

In sostanza la differenza tra l’obbligazione convertibile e l’obbligazione cum warrant risiede nel fatto che, mentre l’opzione di conversione non può essere separata dal titolo di partenza, il warrant può essere negoziato separatamente.

Inoltre, un’altra differenza significativa è dovuta al warrant, che può essere convertito in ogni momento dell’anno, non solo in alcuni periodi stabiliti come accade per le obbligazioni convertibili.

Questa facoltà è significativa in quanto a seconda delle mutevoli condizioni di mercato il possessore potrebbe voler convertire le proprie obbligazioni senza alcuna restrizione.

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria per ricevere le news su Warrant

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.