Warrant

Il warrant è uno strumento finanziario emesso da una società quotata che consente al suo possessore di acquistare (warrant call) o vendere (warrant put) una certa attività sottostante (solitamente si tratta di azioni della società emittente) ad un certo prezzo (strike price), entro una determinata scadenza (warrant di tipo americano) oppure a certa data prestabilita (warrant di tipo europeo).

Il warrant di tipo call viene solitamente emesso contestualmente ad un aumento di capitale (azioni cum warrant) o all’emissione di un prestito obbligazionario (obbligazioni cum warrant), per facilitare la raccolta di capitale da parte della società emittente.

I warrant appartengono alla categoria degli strumenti derivati ed in quanto tali il loro valore dipende dal valore dell’attività sottostante. Il prezzo del warrant è definito premio e rappresenta il valore che bisogna pagare per acquistare/vendere l’attività sottostante al prezzo prestabilito nel contratto, lo strike.

Nel caso di un warrant call se lo strike price è maggiore del prezzo di mercato del sottostante, al possessore non converrà esercitare l’opzione di acquisto ed il valore del warrant sarà molto basso, o nullo.
I warrant possono essere scambiati anche separatamente rispetto al sottostante e sono negoziati sul mercato MTA.

Warrant, ultimi articoli su Money.it

Covered warrant: cosa sono e come funzionano

Pubblicato il 23 maggio 2019 alle 09:23

Cosa sono i covered warrant? Guida completa all’utilizzo di questi strumenti finanziari derivati utilizzati per finalità prevalentemente di trading ma anche di copertura del portafoglio.

GPI: Borsa Italiana approva il passaggio al MTA

Pubblicato il 18 dicembre 2018 alle 11:34

Borsa Italiana ha disposto l’ammissione a quotazione delle azioni e dei warrant di GPI sul MTA e la loro contestuale esclusione dalle negoziazioni sul sistema AIM Italia