Noleggio a lungo termine per privati, 5 consigli da ricordare

Alcuni consigli da non dimenticare se si decide di prendere a noleggio un’auto a lungo.

Noleggio a lungo termine per privati, 5 consigli da ricordare

Noleggiare un’auto è una pratica sempre più diffusa nel panorama europeo e italiano, per questo è bene che i privati interessati sappiano cosa controllare.

Anche le stesse case automobilistiche stanno iniziando a proporre formule di utilizzo che non prevedono l’acquisto, adeguandosi ai trend del settore che vedono gli automobilisti sempre meno interessati al possesso dell’auto anche grazie ai numerosi servizi di car sharing e in generale alla mobilità condivisa.

Vediamo alcune regole base per gli automobilisti privati che decidano di prendere un’auto con noleggio a lungo termine, per definizione più complesso rispetto a quello a breve termine.

Noleggio per privati, 5 consigli da ricordare

Con la formula del noleggio a lungo termine, l’automobilista può tenere il veicolo fino a quattro anni, in base ai contratti su misura forniti dalle compagnie, al termine dei quali non diventa proprietario del mezzo, come invece può avvenire con il leasing. Il canone mensile comprende tutti gli oneri assicurativi e fiscali come il bollo, ed è sempre fornita dal gestore la manutenzione ordinaria e straordinaria.

1) Attenzione alla franchigia

In caso di incidente, l’assicurazione copre tutti i danni dell’altra auto ma il cliente che ha la responsabilità deve indennizzare la compagnia con una franchigia tra i 100 e i 500 euro nei casi ordinari ma che può raggiungere cifre anche molto più alte. Ci sono franchigie di diverso tipo, che variano in base al valore dell’auto e alla polizza assicurativa con cui è coperto il veicolo. In linea generale, questa clausola può garantire una riduzione del premio annuale più è alta, ma in caso di incidente e danni al veicolo può non essere la scelta migliore perché l’automobilista dovrebbe versare la somma.

2) Clausola rescissoria

I contratti possono essere interrotti prima della data prevista, ma questo prevede il pagamento di una penale. Al momento della sottoscrizione bisogna leggere bene in cosa consiste la penale. Solitamente è un pagamento di una percentuale delle mensilità previste, altre volte è l’intera somma.

3) Auto in ottimo stato, sempre

Come per il noleggio a breve termine, anche in questo caso al termine del contratto il veicolo viene riconsegnato alla compagnia di noleggio, dove viene esaminato per valutarne le condizioni di esterni, interni e parti meccaniche. Essendo un noleggio più lungo è normale non restituire l’auto esattamente come era prima, ma è fondamentale comunicare tutti gli interventi straordinari di cui ha bisogno l’auto al momento in cui si fanno necessari: se infatti il canone prevede la manutenzione e l’auto è assicurata, ogni riparazione dovuta a guasti o sinistri dovrebbe essere valutata prima del termine del contratto.

4) Quanti chilometri si possono fare?

I contratti di noleggio prevedono limiti di percorrenza massima, o su base annuale o direttamente sulla durata complessiva del contratto. I chilometri extra si pagano in più, spesso con un canone davvero esiguo, visto che con poco si sfora di centinaia di chilometri. Bisogna leggere bene cosa prevede il contratto per capire a quanto ammonta la cifra se si percorrono troppi chilometri in più, e nel caso in cui sia troppo alta, è consigliato rimanere nei limiti.

5) Chi guida?

Prima di far mettere alla guida un’altra persona che non figura nel noleggio, bisogna rileggere cosa prevede il contratto sulla guida di terze persone. Differentemente dall’auto, in cui è il proprietario a vedersela con beghe assicurative, nel noleggio chi ha firmato il contratto deve rendere conto alla compagnia noleggiatrice con rischio di pagare una salata penale.

Iscriviti alla newsletter Motori

Argomenti:

Noleggio auto

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.