Negozi aperti o chiusi oggi 26 dicembre? Info e orari

Martino Grassi

26 Dicembre 2020 - 10:01

condividi
Facebook
twitter whatsapp

I negozi e i centri commerciali saranno aperti o chiusi oggi 26 dicembre? Ecco le misure relative agli esercizi commerciali per il giorno di Santo Stefano e il periodo natalizio.

Negozi aperti o chiusi oggi 26 dicembre? Info e orari

Oggi, il 26 dicembre i negozi sono aperti o chiusi? La pubblicazione del nuovo DPCM del Natale, cui è seguita la conferenza stampa di Giuseppe Conte, ha chiarito una volta per tutte cosa si può fare e cosa invece è vietato durante il periodo natalizio. Nel provvedimento sono contenute le norme per spostamenti, pranzi, cene e coprifuoco, oltre che quelle per negozi e centri commerciali.

La novità principale contenuta nel nuovo documento riguarda l’introduzione di un nuovo calendario che suddivide l’intero Paese in giorni rossi (24, 25, 26, 27, 31 dicembre, 1, 2, 3, 5, 6), arancioni (28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio) e gialli (fino al 23 dicembre). Il cambio di colore nei vari giorni comporta la stretta o l’allentamento delle norme in vigore, soprattutto quelle riguardanti gli spostamenti e i negozi.

In definitiva dunque, in accordo con le attuali normative, i negozi potranno rimanere aperti solamente durante i giorni arancioni, mentre durante quelli rossi, tra cui anche il 26 dicembre, dovranno chiudere, ma non tutti. Ecco quali negozi resteranno aperti e quali invece chiuderanno per Santo Stefano e durante il periodo delle festività.

Quali negozi sono aperti il 26 dicembre

A partire dal 24 dicembre tutta l’Italia sarà zona rossa per la maggior parte dei giorni durante il periodo delle festività natalizie. La scelta del governo comporterà un ampliamento delle restrizioni (con obbligo di autocertificazione) e una stretta anche sulle attività commerciali, imponendone la chiusura.

I supermercati e i negozi di alimentari, così come le farmacie e le parafarmacie non subiranno alcuna variazione e potranno continuare a lavorare senza alcuna restrizione. Anche durante i giorni arancioni non sono previste alcune limitazioni per le attività commerciali, la situazione cambia durante i giorni rossi, tra cui il giorno di Santo Stefano. In questo periodo infatti i negozi dovranno rimanere chiusi, e dunque non si potrà andare a fare shopping, il documento del governo tuttavia prevede alcune eccezioni.

Ecco la lista dei negozi che potranno rimanere aperti il 26 dicembre e tutti gli altri giorni rossi:

  • tabaccherie e negozi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche;
  • negozi non specializzati di computer, elettrodomestici e apparecchiature informatiche;
  • librerie, edicole, cartolerie e forniture per ufficio;
  • negozi di abbigliamento e calzature per bambini;
  • negozi di articoli sportivi;
  • negozi di giochi e giocattoli;
  • negozi di cosmetici, articoli di profumeria ed erboristerie;
  • attività commerciali di ottica e fotografia;
  • ferramenta, benzinai e negozi di vernici;
  • negozi di attrezzature e prodotti per il giardinaggio e l’agricoltura;
  • aperti anche barbieri e parrucchieri.

Novità anche per gli orari: il Governo ha stabilito che le serrande dei negozi potranno rimanere alzate fino alle 21.

La decisione di estendere l’orario di apertura è dovuta alla necessità di dilazionare nel corso della giornata l’afflusso delle persone ed evitare che in una determinata fascia oraria si verifichi la concentrazione di molte persone, scongiurando quindi la possibilità che si formino degli assembramenti.

Quali negozi sono chiusi il 26 dicembre

Tutte le altre attività quindi non potranno aprire nei giorni rossi, ma potranno continuare la loro attività nelle giornate arancioni, ad eccezione dei bar, ristoranti ed annessi.

Nello specifico durante i giorni rossi non potranno aprire negozi di abbigliamento e calzature per adulti, gioiellerie, centri estetici e tutte le altre attività commerciali ritenute non indispensabili. I bar e i ristoranti dovranno tenere abbassate le serrande sia nei giorni arancioni che in quelli rossi, per loro resterà consentita solamente la consegna a domicilio e il servizio di asporto dalle ore 5 e fino alle 22, nel rispetto del coprifuoco.

Anche per i centri commerciali è stata confermata dal 4 dicembre al 15 gennaio la chiusura nei giorni festivi e prefestivi e dunque anche per Santo Stefano e durante tutti i giorni arancioni e rossi. L’unica eccezione riguarderà le farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, ed edicole presenti nei centri.

Argomenti

# DPCM
# Natale

Iscriviti alla newsletter

Money Stories