Nano: la criptovaluta del momento che sfida il Bitcoin

Flavia Provenzani

26 Febbraio 2018 - 10:28

La quotazione di Nano (ex RaiBlocks) ha sorpreso gli esperti con il forte rialzo della scorsa settimana. Quali previsioni per la criptovaluta del momento?

Nano: la criptovaluta del momento che sfida il Bitcoin

Nano ha sorpreso tutti: nei giorni scorsi, mentre le criptovalute principali erano impegnate in una rapida discesa, il suo prezzo saliva vertiginosamente.

Per quale motivo la quotazione di Nano sta salendo?
Il volume degli scambi di Nano ha toccato il massimo storico nella sessione di giovedì. Su Binance, uno degli exchange di criptovalute più grandi al mondo, Nano è stata la terza criptovaluta per volume, battendo le altre valute digitali del calibro di Ripple e Litecoin.

Con il calo del prezzo del Bitcoin, al 22 febbraio la quotazione tra NANO e BTC è salita di oltre il 22%, il che aiuta a spiegare perché il denaro è confluito verso la valuta meno nota. Stava diventando più economica comprare e gli investitori ne hanno approfittato per metterci le mani.

Chiariamo un punto: l’ascesa di Nano nelle valutazioni delle criptovalute non si è verificata da un giorno all’altro. Se non si ha mai sentito parlare di Nano prima di oggi e ci si sta chiedendo come abbia fatto ad apparire improvvisamente sulla scena con una capitalizzazione di mercato di oltre un miliardo di dollari, sarà utile sapere che, prima di chiamarsi Nano, la criptovaluta era nota come «RaiBlocks».

Cos’è Nano?

Quando Nano era precedentemente noto come RaiBlocks veniva scambiato con il simbolo «XRB». È stato rinominato “Nano” il mese scorso con l’obiettivo di conferire un nome più commercializzabile agli orecchi degli investitori.

Questa criptovaluta è un concorrente diretto del Bitcoin, il che significa che è una pura alternativa crittografica alla moneta legale. Ma è la tecnologia di base di Nano che lo distingue da Bitcoin, Litecoin, Ethereum e le altre criptovalute.

Una nuova blockchain

Nano è costruito sul concetto di «block lattice» (blocchi a reticolo, in italiano), diverso da quello della blockchain. Su un network blockchain le transazioni sono convalidate dai miners, che vengono ricompensati dal network tramite delle commissioni.
Al contrario, nel network con blocchi a reticolo di Nano, ogni utente ha la propria piccola blockchain, dove controlla una quota parte del processo di convalida. Data l’assenza di miners coinvolti, non vi sono costi né tempi di attesa.

Nano contro Bitcoin

Questi sono i principali punti di forza di Nano: la mancanza di commissioni e la scalabilità infinita - i due problemi più grandi che affliggono il Bitcoin oggi.

Il Bitcoin ha perso parte del suo potenziale a causa della lentezza della sua piattaforma. Con l’aumento dei volumi delle transazioni, la velocità di elaborazione del Bitcoin è diminuita e le spese di transazione aumentate, rendendolo impossibile da utilizzare per le transazioni quotidiane.

Nano la lavorando per riempire la nicchia lasciata da Bitcoin, motivo per cui molti stanno accorrendo a comprarlo.

Quali previsioni per la criptovaluta Nano?

Nonostante l’apparente vantaggio tecnologico di Nano fa nei confronti del Bitcoin, è ancora una criptovaluta molto giovane con una visibilità di mercato insufficiente. Il valore attribuito a Nano, al momento, sembra essere gonfiato, considerando il fatto che la crypto non ha ancora lasciato alcun segno concreto nel mondo reale.

Nano potrebbe impiegare circa un anno per raggiungere una diffusione mainstream, se riuscirà a presentare piano d’uso pratico che riuscirà a convincere gli investitori.

Da non perdere su Money.it

Argomenti

# Nano

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.