Modello Redditi Pf 2022: istruzioni, scadenza e novità

Nadia Pascale

05/04/2022

13/05/2022 - 15:19

condividi

Modello Redditi Pf, vediamo le istruzioni per la corretta compilazione della dichiarazione dei redditi, la scadenza da rispettare e le novità per il 2022.

Modello Redditi Pf 2022: istruzioni, scadenza e novità

Le istruzioni per il modello Redditi Pf (persone fisiche) 2022 sono state approvate con il provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 31 gennaio. La scadenza da rispettare dipende dalla modalità con cui la dichiarazione dei redditi viene presentata (cioè se cartacea o se in via telematica).

Ma quali sono le novità per il 2022? Il modello Redditi Pf viene utilizzato da coloro che hanno reddito di impresa, redditi da lavoro autonomo di titolari di partita Iva, soci di cooperative artigiane, plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni societarie qualificate, oppure partecipazioni non qualificate in società che abbiano la residenza in Paesi a fiscalità privilegiata, redditi provenienti da Trust.

Gli altri soggetti possono scegliere tra il modello Redditi Persone fisiche, in precedenza chiamato modello Unico, oppure il 730.

Le scadenze del modello Redditi Pf

Le scadenze del modello Redditi Pf variano in base alla modalità di presentazione:

  • entro il 30 novembre per coloro che presentano la dichiarazione dei redditi per via telematica;
  • dal 2 maggio 2022 al 30 giugno 2022 per coloro che possono presentare la dichiarazione cartacea.

La dichiarazione in formato cartaceo è un’eccezione rispetto alla regola della presentazione telematica e possono optare per essa solo coloro che:

  • hanno maturato redditi che non possono dichiarare con modello 730;
  • possono presentare il modello 730 ma hanno maturato redditi da iscrivere nei riquadri RM, RT, RW (vedremo a breve di quali si tratta);
  • devono presentare la dichiarazione per conto di deceduti.

Le istruzioni dell’Agenzia delle entrate per compilare il modello Redditi Pf

Vediamo ora in breve come è composto il modello, ricordando che devono essere compilati solo i campi di interesse. La prima pagina è rappresentata dal frontespizio con l’informativa sul trattamento dei dati personali, segue il riquadro in cui inserire i dati del dichiarante. Deve quindi essere indicata il tipo di dichiarazione.

Può trattarsi di una dichiarazione “ordinaria” oppure, correttiva nei termini, integrativa, integrativa ai sensi dell’articolo 2 comma 8 dpr 322 del 1988 (si compila nel caso in cui sia stata già presentata una dichiarazione dei redditi, ma il contribuente abbia cambiato idea circa l’utilizzo di crediti in compensazione), dichiarazione integrativa per errori contabili e, infine, eventi eccezionali.

Modello Redditi PF 2022
Clicca qui per scaricare il file dell’Agenzia delle entrate.

Nella stessa pagina è presente uno spazio dedicato a chi presenta la dichiarazione in nome di altri (ad esempio un erede che presenta la dichiarazione per un defunto che ha percepito redditi nel 2021). Inoltre, c’è uno spazio dedicato a colui che è incaricato di presentare la dichiarazione telematicamente.

Segue il riquadro riservato al professionista o al Caf da compilare nel caso in cui sia necessario il visto di conformità. Questo è richiesto se devono essere portati in compensazione crediti di valore superiore a 5.000 euro.

A questo punto nel modello Redditi Pf 2022 ci sono i riquadri per i vari redditi da dichiarare, naturalmente ogni contribuente compila solo quelli di suo interesse. Il primo riquadro è denominato RA e riguarda i familiari a carico. Non sono i familiari che fanno parte del nucleo, ma quelli appartenenti al nucleo e che hanno redditi inferiori rispetto alle soglie previste. Si considerano a carico i familiari under 24 che abbiano maturato redditi inferiori a 4.000 euro, per coloro che superano i 24 anni la soglia per essere considerati a carico è 2.840,51 euro.

Seguono i quadri:

  • RA per dichiarare i redditi da terreni;
  • RB per i redditi dei fabbricati;
  • RC per i redditi da lavoro dipendente e assimilati;
  • CR per i crediti di imposta;
  • RP oneri e spese;
  • LC cedolare secca sulle locazioni;
  • RN determinazione dell’Irpef;
  • RV addizionale regionale e comunale Irpef;
  • DI dichiarazione integrativa;
  • RX risultato della dichiarazione.

Segue il fascicolo 2 con ulteriori quadri:

  • RH redditi da partecipazione in società di persone o assimilati;
  • RL altri redditi;
  • RM redditi assoggettati a tassazione separata e imposta sostitutiva;
  • RT plusvalenze di natura finanziaria;
  • RR contributi previdenziali;
  • RW investimenti all’estero;
  • AC comunicazione dell’amministrazione di condominio.

Infine, c’è il fascicolo 3 dedicato a coloro che sono percettori di reddito di impresa o lavoro autonomo.
In questo caso i riquadri sono:

  • RE per i redditi da lavoro autonomo derivanti dall’esercizio di arti o professioni;
  • RF reddito di impresa in contabilità ordinaria;
  • RG reddito di impresa in contabilità semplificata ;
  • LM reddito per attività inserite in imprenditoria giovanile, lavoratori in mobilità e regime forfetario;
  • RD allevamento di animali, produzione di vegetali e altre attività agricole;
  • RQ imposte sostitutive a addizionali Irpef;
  • FC redditi dei soggetti controllati non residenti;
  • NR nuovi residenti;
  • CE credito di imposta per redditi prodotti all’estero;
  • TR Imposizione in uscita e valori fiscali in ingresso;
  • RU crediti di imposta concessi in favore di imprese.

Chi deve presentare il modello Redditi Pf

Sono chiamati a presentare il modello Redditi Pf i soggetti che seguono:

  • i lavoratori dipendenti che nell’arco dell’anno 2021 abbiano cambiato lavoro e accumulato diversi moduli Certificazione Unica 2022 e che abbiano maturato un’imposta di oltre 12 euro rispetto a quanto già trattenuto in forma di ritenuta di imposta;
  • i lavoratori dipendenti che abbiano percepito dall’Inps o da altri enti forme di integrazione al reddito o ad altro titolo per le quali erroneamente non sia stata effettuata la ritenuta di imposta;
  • lavoratori dipendenti che abbiano percepito redditi o altre retribuzioni da datori di lavoro senza obbligo di ritenuta di imposta;
  • i lavoratori dipendenti a cui i sostituti di imposta abbiano applicato erroneamente deduzioni o detrazioni di imposta non spettanti;
  • i contribuenti che abbiano percepito redditi sui quali non sia stata effettuata la ritenuta in quanto l’imposta si applica separatamente;
  • i lavoratori dipendenti o percettori di altra tipologia di reddito a cui non siano state addebitate o non siano state addebitate correttamente, le addizionali regionali e comunali. In questo caso vi è l’esonero se per ciascuna imposta il debito maturato non supera 12 euro;
  • i contribuenti che abbiano percepito nel corso del 2021 redditi da plusvalenze e di capitali che vanno tassate con imposta sostitutiva da indicare nei quadri RT e RM;
  • docenti e titolari di cattedre che abbiano effettuato prestazioni come lezioni private e ripetizioni dietro compenso e debbano quindi assoggettare tali entrate a imposta sostitutiva, anche in questo caso deve essere compilato il quadro RM del modello redditi PF 2022.

I soggetti esonerati: chi non è obbligato

Sono esonerati dalla presentazione del modello Redditi Pf 2022:

  • coloro che hanno un reddito derivante solo da abitazione principale e pertinenze e altri immobili non locati. In questo secondo caso, se l’immobile si trova in un comune diverso rispetto a quello in cui il contribuente ha la residenza, deve presentare la dichiarazione dei redditi;
  • i percettori di reddito da lavoro dipendente o da pensione che non percepiscono altri redditi e il cui datore di lavoro abbia eseguito le ritenute di imposte;
  • redditi soggetti a imposta diretta ad esempio interessi sui Bot;
  • coloro che hanno maturato esclusivamente redditi esenti, ad esempio rendite Inail, assegno di invalidità civile;
  • coloro che hanno maturato redditi soggetti a ritenuta alla fonte, ad esempio gli interessi sui conti corrente.

Vi sono, inoltre, esoneri dovuti al reddito. In particolare, non sono tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi 2022 coloro che hanno un reddito da lavoro dipendente o assimilato, redditi da pensione a cui devono però essere aggiunti eventuali altri redditi non superiori a 8.000 euro.

La dichiarazione non è dovuta neanche nel caso in cui il reddito da 8.000 euro sia dovuto ad assegni di mantenimento a cui sono aggiunti o meno altri redditi.
Non devono essere dichiarati redditi inferiori a 4.800 euro se trattasi di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro.

Infine, per quanto riguarda i compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche il limite entro il quale non è necessario presentare la dichiarazione redditi 2022 è 30.658,28 euro. In ogni caso, se il contribuente deve rimborsare delle somme, è comunque tenuto a presentare al dichiarazione.

Novità 2022 sul modello Redditi Pf

Tra le novità importanti del 2022 vi è la possibilità di portare in detrazione il superbonus 110%, naturalmente nel caso in cui non si sia optato per la cessione del credito. È bene sottolineare che per le spese effettuate successivamente al 12 novembre 2021 è necessaria l’apposizione del visto di conformità. Inoltre, è possibile ottenere l’aliquota agevolata al 110% anche per le spese per l’abbattimento delle barriere architettoniche se l’intervento è stato effettuato all’interno del sismabonus o ecobonus.

Per i lavoratori dipendenti, dall’anno 2021 è prevista la riduzione della pressione fiscale e l’importo annuale del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione è aumentato a 1.200 euro.

Tra le novità per il 2022 vi è la possibilità per gli under 36 che acquistano la prima casa di utilizzare nella dichiarazione dei redditi il credito di imposta maturato per l’acquisto di una casa assoggettato ad Iva (cioè acquistato dal costruttore o professionista del settore).

Con il codice 45 è invece possibile indicare la detrazione prevista per il bonus musica, che consente di portare in detrazione le spese sostenute per abbonamenti o iscrizione a conservatori di musica, istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica in favore di ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni di età. In questo caso è possibile usufruire della detrazione per il 19% delle spese sostenute, fino a un massimo di 1.000 euro, a condizione che il reddito non sia superiore a 36.000 euro.

Per le colonnine di ricarica sono previsti nuovi massimali di spesa con il superbonus:

  • 2.000 euro per gli edifici unifamiliari;
  • 1.500 euro per gli edifici plurifamiliari o i condomini che installino fino a 8 colonnine;
  • 1.200 euro per condomini o edifici plurifamiliari che installano più di 8 colonnine.

La detrazione spettante ai lavoratori del comparto sicurezza è innalzata a 609,50 euro. Si può usufruire nella dichiarazione con modello Redditi Pf 2022 del credito di imposta per le spese sostenute per l’acquisto di depuratori di acqua che consentono la riduzione del consumo di plastica, rientranti nel cosiddetto bonus idrico.

I contribuenti possono usufruire del regime di vantaggio per le locazioni brevi solo se non hanno più di 4 immobili locati.
Tra le altre detrazioni da segnare:

  • la detrazione del bonus mobili arriva a 16.000 euro per l’ultimo anno (il limite di spesa agevolata nel 2022 è di 10.000 euro);
  • le spese veterinarie si possono detrarre fino a 550 euro 50 euro in più rispetto allo scorso anno);
  • è possibile fruire della detrazione di imposta anche per le spese sostenute per l’acquisto di gruppo elettrogeno nell’ambito delle operazioni per il recupero del patrimonio edilizio.

Infine, ricordiamo che per il pagamento delle imposte dovute deve essere utilizzato il modello F24.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO