Metro A Roma a rischio chiusura: da quando e perché

Giorgia Bonamoneta

4 Dicembre 2021 - 16:16

condividi

Metro Linea A di Roma: rischia chiusura totale. Su 33 treni sono 20 quelli che hanno bisogno di revisione. Il blocco potrebbe avvenire già dai primi mesi del 2022. Ecco da quando.

Metro A Roma a rischio chiusura: da quando e perché

La linea della metro Linea A di Roma rischia di rimanere chiusa per diversi anni. Questo è quanto emerso dall’ultimo controllo sul “trasporto su ferro” di Roma, ovvero sui treni delle linee esterne e interne alla Capitale. I treni, che hanno bisogno di una manutenzione per poter circolare, rischiano di andare in revisione senza un altro mezzo a sostituirli.

Secondo quanto emerso sono 20 i convogli su 33 complessivi che avrebbero bisogno di essere revisionati nei prossimi mesi. Un lavoro troppo lungo, lasciato da parte e che potrebbe compromettere turismo e lavoro per tutti gli abitanti di Roma a partire da gennaio 2022.

Un danno incalcolabile e per evitare tali conseguenze il nuovo assessore capitolino ai Trasporti, Eugenio Patané, si è attivato immediatamente alla ricerca di un’alternativa. C’è poco da fare: per ogni vettura ci vogliono cinque mesi per la revisione e in totale si parla di 6 lunghi e difficoltosi anni.

Roma: metro A rischia blocco di anni

I romani si sono quasi abituati al ritmo non costante dei mezzi di trasporto pubblici della Capitale, ma questa volta il danno è grosso. Si tratta di circa 6 anni senza poter utilizzare a pieno regime, se non del tutto, la metro Linea A.

Roma è servita da poche linee metro (sono tre) e non del tutto attive. L’interruzione di una linea così importante come la Linea A potrebbe effettivamente compromettere il normale svolgimento delle attività quotidiane, tanto per i lavoratori, quanto per gli studenti e i turisti.

Una situazione non da poco e che l’assessore capitolino ai Trasporti, Eugenio Patané, sta cercando di risolvere nel più breve tempo possibile. La soluzione pare essere al momento soltanto una: rimandare la revisione dei 20 convogli di almeno 10 mesi.

Roma metro Linea A: quando il blocco totale della circolazione

Secondo quanto emerso dai controlli effettuati dell’assessore ai Trasporti di Roma, a partire da gennaio saranno 20 le carrozze che rischiano di rimanere ferme in attesa di revisione.

La data che spaventa il trasporto pubblico è gennaio 2022, una data fin troppo vicina. Entro l’inizio del prossimo anno bisognerà risolvere il problema della revisione dei treni per impedire il blocco totale della circolazione.

Infatti sarebbero pochi i treni per poter continuare a tenere in funzione la linea, con migliaia di cittadini fermi alla banchina di Termini e non solo. La Linea A con 20 treni in meno non è in grado di continuare a svolgere il normale servizio di trasporto, è stato detto.

Una situazione simile è già accaduta, sempre a Roma, sulla Linea Roma-Lido. In quel caso il Ministero delle Infrastrutture aveva risposto con un secco “no” alla richiesta di una proroga, lasciando in servizio appena 3 treni.

Roma metro Linea A: il piano di revisione e mitigazione

La soluzione presentata dall’assessore Patané è semplice, anche se non facile da applicare: ottenere la proroga per le revisioni e permettere ai treni sicuri di continuare a circolare.

Non tutti i treni hanno bisogno di una vera e propria revisione insomma, sembra infatti che molti dei convogli da revisionare sono stati tenuti in ottimo stato e controllati periodicamente. Proprio per questo potrebbe andare bene un semplice controllo di sicurezza, molto più breve nelle tempistiche, con la sostituzione dei pezzi danneggiati ce ne se fossero.

Si chiama “mitigazione” e permetterebbe di non bloccare il traffico della Linea A di Roma. Prima di parlare di mitigare, bisogna però far approvare la proroga per le revisioni; una proroga di 10 mesi, tempo nel quale possono essere revisionate appena 2 treni. Si attende il responso del Ministero delle Infrastrutture.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Roma

Iscriviti a Money.it