Maturità 2021: quando e dove escono i voti dell’esame?

Teresa Maddonni

21 Giugno 2021 - 09:57

condividi

Maturità 2021: vediamo quando e dove escono i voti dell’esame che anche quest’anno si svolge con il solo orale. Dove vengono pubblicati? La risposta si trova nell’ordinanza del Miur.

Maturità 2021: quando e dove escono i voti dell'esame?

Maturità 2021: quando e dove escono i voti dell’esame? Anche quest’anno la Maturità, al pari di quella 2020, si svolge con il solo orale e in tutta Italia ha preso il via, per i ragazzi del quinto anno della scuola secondaria di secondo grado, lo scorso 16 giugno.

Il voto della Maturità 2021 tiene conto quindi del solo orale, che vale un massimo di 40 punti, e dei crediti relativi agli ultimi tre anni di scuola superiore (clicca qui per il calcolo del voto) che valgono un massimo di 60 punti.

Gli studenti tuttavia - sebbene riescano a farsi un’idea dell’esito dell’esame alla conclusione del colloquio orale che anche quest’anno parte dalla discussione dell’elaborato - devono attendere la fine delle operazioni della commissione e quindi che tutti i compagni di classe abbiano terminato la prova.

Per la Maturità 2021 c’è però una novità dopo che lo scorso anno la ex ministra dell’Istruzione Azzolina aveva sentenziato la fine della pubblicazione dei quadri, vale a dire che i voti della Maturità 2021 escono sui tabelloni che verranno affissi in ciascuna scuola e non solo, come da ordinanza dell’attuale titolare del Miur Patrizio Bianchi.

Vediamo allora nel dettaglio per la Maturità 2021 dove e quando escono i voti dell’esame di Stato.

Maturità 2021: quando e dove escono i voti dell’esame

Per sapere quando e dove escono i voti della Maturità 2021 occorre far riferimento all’ordinanza del Miur sugli esami di Stato.

Sul quando la risposta è un po’ incerta dal momento che ogni scuola si organizza da sé e tutto, anche se la Maturità 2021 si compone del solo orale, dovrebbe dipendere dal calendario di ogni singola classe e commissione, quindi anche da numero degli alunni.

Per sapere i voti dell’esame quest’anno i tempi saranno comunque ridotti non essendoci le prove scritte da correggere.

La risposta al dove vedere i voti dell’esame finale e soprattutto se sarà possibile conoscere anche quelli dei propri compagni si trova nell’ordinanza del Miur.

In particolare il ministero dell’Istruzione specifica quanto segue:

“L’esito dell’esame, con l’indicazione del punteggio finale conseguito, inclusa la menzione della lode qualora attribuita dalla sottocommissione, è pubblicato al termine delle operazioni [...] tramite affissione di tabelloni presso l’istituzione scolastica sede della sottocommissione, nonché, distintamente per ogni classe, solo e unicamente nell’area documentale riservata del registro elettronico, cui accedono gli studenti della classe di riferimento, con la sola indicazione della dicitura “Non diplomato” nel caso di mancato superamento dell’esame stesso.”

E aggiunge:

“Il punteggio finale è riportato, a cura della sottocommissione, sulla scheda di ciascun candidato e sui registri d’esame.”

Maturità 2021: i voti con lode

Per la Maturità 2021 la commissione può decidere di attribuire la lode ai candidati che abbiano raggiungo il punteggio massimo senza la necessità d’integrazione con il bonus extra di 5 punti.

Come si legge nell’ordinanza del Miur la lode per il voto della Maturità 2021 viene attribuita ai candidati a condizione che:

  • abbiano conseguito il credito scolastico massimo con voto unanime del consiglio di classe;
  • abbiano conseguito il punteggio massimo previsto alla prova d’esame.

L’ordinanza del Miur di cui abbiamo detto dà indicazioni specifiche anche sulla pubblicazione del voto di Maturità 2021 accompagnato dalla lode.

Il voto infatti, con i nominativi, può essere in questo caso pubblicato nell’Albo nazionale delle eccellenze, ma occorre il consenso dello studente interessato. Scrive infatti il ministero:

“Nel caso degli studenti che conseguono agli esami la votazione di cento/centesimi con l’attribuzione della lode, l’istituzione scolastica provvede, ai sensi dell’articolo 7, comma 2, del decreto legislativo 29 dicembre 2007, n. 262, all’acquisizione del consenso dei medesimi ai fini della pubblicazione dei relativi nominativi nell’Albo nazionale delle eccellenze.”

Iscriviti a Money.it