Lavori usuranti: vi rientra l’operatore ecologico?

Con il fatto che per lavoratori usuranti e gravosi ci sono agevolazioni previdenziali, la curiosità dell’appartenenza o meno di determinate professioni a queste categorie è molta.

Lavori usuranti: vi rientra l'operatore ecologico?

I lavoratori usuranti possono accedere alla pensione quota 41 ma anche alla pensione quota 97,6 ad essi riservata. I lavoratori gravosi, invece, oltre ad avere il blocco dell’aumento dell’età pensionabile per la pensione di vecchiaia, possono accedere sia alla pensione quota 41 che all’Ape sociale.

Appare chiaro, quindi, l’interessamento dei lavoratori a queste categorie di lavoro.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, ad inizio 2022 maturerei 41 anni di contribuzione,nei primi 28 anni lavorativi ho svolto il lavoro di operatore ecologico ,Vi chiedo se rientro nella categoria dei lavori usuranti. Ringrazio anticipatamente e attendo una Vostra risposta”.

Lavori usuranti ed operatore ecologico

I lavori considerati usuranti dal decreto 67 del 2011 sono tutte quelle professioni che richiedono di operare in spazi ristretti, ad alte temperature, che possono provocare danni alla salute, che prevedono turni notturni, che sono svolti in maniera ripetitiva ed alienante e che comportano una soglia dell’attenzione molta alta per evitare incidenti sul lavoro.

Vi rientrano coloro che

  • Lavorano in galleria, cava, miniera o in cassoni ad aria compressa o comunque in spazi ristretti
  • I palombari
  • lavorano esposti ad alte temperature e i lavoratori del vetro cavo
  • addetti alla rimozione dell’amianto
  • addetti a turni notturni per ameno 78 notti l’anno (nell’intervallo dalla mezzanotte alle 5 per almeno 6 ore a notte) o per l’intero anno (3 ore a notte nello stesso intervallo di tempo poc’anzi citato)
  • addetti alla lice di catena, ovvero il processo produttivo in serie con ritmo determinato e ripetizione dello stesso ciclo lavorativo
  • addetti alla conduzione di mezzi pesanti con capienza complessiva non inferiore a 9 posti (servizio pubblico di trasporti).

Come può notare, quindi, l’operatore ecologico non rientra nelle mansioni usuranti ma il personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia rientra nelle mansioni gravose per le quali è prevista la possibilità di:

  • accedere alla pensione di vecchiaia con 66 anni e 7 mesi
  • accedere all’Ape sociale con 63 anni ed almeno 36 anni di contributi
  • accedere alla quota 41, se precoci, con almeno 41 anni di contributi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Lavori usuranti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories