In Italia possibili nuovi lockdown? Cosa dice l’esperto

Alessandro Cipolla

30 Agosto 2021 - 13:19

condividi

In Italia si torna a parlare di lockdoown. Per Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, saranno possibili misure restrittive a causa dei “3 milioni e mezzo di over 50 non ancora vaccinati”.

In Italia possibili nuovi lockdown? Cosa dice l'esperto

L’Italia è sempre a rischio lockdown? Sul delicato tema si è espresso Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, che è intervenuto sulle frequenze di Radio Cusano Campus.

Quello che preoccupa di più ora è l’emergere di nuove varianti e anche il potenziale calo della copertura vaccinale - ha spiegato Cartabellotta - Altra preoccupazione è quella legata ai 3,5 milioni di over 50 non ancora vaccinati; questo si può tradurre in un numero più alto di ospedalizzazioni che può determinare nuove chiusure”.

Al momento in Italia è stato completamente immunizzato contro il Covid il 63,2% della popolazione, con la percentuale che sale al 67% contando anche chi ha ricevuto una sola dose del vaccino.

Di questo passo, l’obiettivo di arrivare entro la fine di settembre ad avere l’80% della popolazione completamente vaccinata appare essere alla portata, anche se spaventa lo zoccolo duro degli over 50 che ancora non ha ricevuto neanche una dose.

Da qui il rischio ipotizzato da molti di nuovi lockdown: la Sicilia che è la Regione più indietro nella campagna di vaccinazione è appena tornata a essere zona gialla, mentre a breve un cambio di colore potrebbe interessare anche Sardegna e Calabria.

Nuovi lockdown in Italia?

Da quando è iniziata questa pandemia da Covid, la Fondazione Gimbe ha attivato un osservatorio indipendente che monitora costantemente quella che è la situazione sanitaria in Italia.

Rispetto alle precedenti ondate, questa estate i contagi sono rimasti contenuti così come le ospedalizzazioni. Merito questo secondo Nino Cartabellotta dei vaccini che, nel nostro Paese, sembrerebbero funzionare.

Nelle ultime tre settimane abbiamo assistito ad una sostanziale stabilizzazione dei contagi settimanali - ha sottolineato Cartabellotta ai microfoni di Radio Cusano Campus - La percentuale di ospedalizzazioni è molto inferiore rispetto allo stesso numero di casi delle ondate precedenti, è circa la metà, questo vuol dire che il vaccino funziona”.

L’esempio lampante è quello della Sicilia e della Puglia, due regioni entrambe a forte vocazione turistica in estate: nel primo caso dove c’è il peggior dato nazionale degli over 50 vaccinati i ricoveri sono aumentati, al contrario della Puglia dove invece sono molti di più gli anziani immunizzati.

La copertura dovuta alla campagna vaccinale consente alla politica di rischiare di più con le riaperture - ha aggiunto il presidente di Gimbe - E’ chiaro che però tutta una serie di falle, come quella degli over 50 non vaccinati, devono essere coperte; bisogna affrontare l’arrivo della stagione autunnale, il verosimile declino della copertura vaccinale col tempo, l’ipotesi di nuove varianti più resistenti al vaccino, ma è verosimile che non ci siano più chiusure come quelle che abbiamo visto in passato”.

Grazie ai vaccini in Italia nei prossimi mesi si dovrebbe così riuscire a evitare nuovi lockdown come quelli decisi in passato, ma i tanti over 50 ancora non immunizzati e la diminuzione della copertura vaccinale potrebbero portare prossimamente al cambio di colore per diverse Regioni.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it