Italia: crolla l’occupazione, calo senza precedenti. I dati che fanno tremare

La disoccupazione italiana continua a far discutere: l’Istat ha pubblicato i dati del 2° trimestre 2020

Italia: crolla l'occupazione, calo senza precedenti. I dati che fanno tremare

Il tasso di disoccupazione d’Italia è stato uno dei fattori più monitorati con l’esplosione della pandemia.

Nonostante le misure messe in campo dall’esecutivo, come ad esempio quelle riguardanti il blocco dei licenziamenti durante il periodo dell’emergenza, l’intero Paese ha temuto un rapido peggioramento delle condizioni del mercato del lavoro.

A fare chiarezza sulla questione l’ultimo report dell’Istat riferito al 2° trimestre dell’anno, quello più colpito dal coronavirus.

Tasso di disoccupazione Italia: i dati del 2° trimestre

Stando a quanto appena trapelato dall’ultimo report dell’Istat, nel 2° trimestre del 2020 il tasso di disoccupazione italiano si è attestato all’8,3%.

Il dato, si noti, ha fatto i conti con l’8,9% rilevato con riferimento ai primi 3 mesi del nuovo anno, già colpiti (dall’ultima settimana di febbraio) dalle perturbazioni derivanti dal coronavirus.

In pratica la misura è diminuita (si su base congiunturale che annua) e si è associata ad un incremento del tasso di inattività. Eppure, ha precisato l’Istat, i dati preliminari riguardanti luglio hanno già fatto prevedere una risalita della disoccupazione e una discesa dell’inattività.

Più in generale le ore lavorate nel 2° trimestre sono diminuite del 13,15% e del 20% su base trimestrale e annua, mentre l’attività economica è letteralmente crollata.

Il tracollo degli occupati

Il tasso di occupazione è sceso al 57,6% nel secondo trimestre (-1,2%) e la flessione è stata evidente soprattutto per i giovani dai 15 ai 34 anni. Parlando di cifre concrete, gli occupati sono diminuiti di 470.000 unità rispetto al 1° trimestre e di 841.000 unità rispetto al pari periodo 2019.

“Dopo la sostanziale stagnazione dei primi due mesi del 2020, il sopraggiungere dell’epidemia ha investito il mercato del lavoro con cali dell’occupazione tra marzo e giugno senza precedenti.”

Il quadro dipinto dall’Istat non è stato particolarmente entusiasmante. Il tasso di disoccupazione infatti è sceso, ma la flessione è stata determinata dall’aumento dell’inattività generato dal coronavirus.

Iscriviti alla newsletter

1 commento

foto profilo

darcangeloraf • 1 settimana fa

La fase di Covid-19 apparsa nel primo semestre lasciava immaginare un quadro catastrofico, se non fosse stata attuata una politica forte di ripresa economica come sottolineato da Charles Michel, il 23 marzo 2020. Questo quadro si sta altresi confermando per l’assenza di una vera politica (in ogni ambito) . Politica che da 30 anni ha lasciato spazio a degli espedienti, scia che ripercorrono tutti i governanti italiani sin d’allora. Il motivo per il quale l’Italia conoscerà una gravissima crisi economica e sociale tra un anno, sarà appunto il frutto di essere stati incapaci di cogliere l’occasione di questi prestiti farraginosi per il rilancio, in assenza di ogni minima politica - termine che esprime il significato di lungo-lunghissimo termine - economica, finanziaria, industriale e sociale. God Save the Queen, ma non l’Italia!

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories