Israele-Gaza, continuano i bombardamenti: chiesto l’intervento dell’ONU

Mario D’Angelo

11/05/2021

12/05/2021 - 00:13

condividi

Attacchi senza tregua fra Gaza e Israele. Distrutto un grande edificio residenziale sulla Striscia. Mobilitati anche gli F-35. La Lega Araba chiede l’intervento dell’ONU.

Israele-Gaza, continuano i bombardamenti: chiesto l'intervento dell'ONU

È uno dei conflitti fra Israele e palestinesi più violenti degli ultimi anni. Un edificio residenziale di 13 piani della striscia di Gaza è collassato dopo essere stato colpito da un attacco aereo israeliano. Tre persone sono state ferite da un razzo di Gaza.

Il bilancio dei feriti è di oltre 520 a Gerusalemme e più di 100 a Gaza. Nella giornata di ieri, i bombardamenti israeliani a Gaza hanno provocato la morte di 22 persone, fra cui 9 bambini.

Attacchi senza tregua fra Israele e Gaza

Come promesso, abbiamo sferrato un attacco contro Tel Aviv. Abbiamo lanciato 130 razzi in reazione alla distruzione di un grande edificio a Gaza”, ha annunciato l’ala militare di Hamas, le brigate Ezzedin al-Kassam.

Ad essere colpito sembra sia l’impianto energetico di Ashkelon. Nel frattempo l’esercito di Tel-Aviv ha chiesto ai cittadini palestinesi di allontanarsi dagli edifici residenziali più importanti.

Gaza, chiesto intervento dell’ONU

Secondo il segretario generale della Lega Araba, Ahmed Abul-Gheit, è stato Israele ad iniziare le ostilità: “Nelle ultime settimane non vi è stato un singolo incidente in cui le violenze siano state iniziate da parte palestinese, non c’è stato un singolo incidente in cui i palestinesi abbiano iniziato le provocazioni e l’escalation”.

Abul-Gheit ha quindi chiesto l’intervento del Consiglio di Sicurezza dell’Onu: “È la forza occupante che ha il potere militare e il controllo de facto ed è la stessa forza che ha iniziato le violenze e la provocazione”.

USA: Gerusalemme ha diritto di difendersi

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Biden ha invece condannato gli attacchi operati da Hamas e da altri gruppi contro obiettivi israeliani e ha detto che Israele ha il legittimo diritto di difendersi.

Gerusalemme, città di enorme importanza per le persone di fede in tutto il mondo, deve essere un posto di co-esistenza”, ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki. Ha aggiunto che l’obiettivo primario degli USA è quello della de-escalation.

Argomenti

# Guerra

Iscriviti a Money.it