Isola di Santo Stefano, 470 persone in isolamento a La Maddalena: turisti tentano la fuga

In Sardegna, nell’arcipelago de La Maddalena, 470 persone sono state messe in quarantena, alcuni ospiti hanno tentato la fuga. Ecco perché.

Isola di Santo Stefano, 470 persone in isolamento a La Maddalena: turisti tentano la fuga

In Sardegna, sull’Isola di Santo Stefano, nell’arcipelago de La Maddalena, 470 persone, tra turisti e dipendenti di un resort, sono state messe in isolamento, dopo che un dipendente stagionale di 60 anni è risultato positivo alla COVID-19. Adesso l’uomo è stato ricoverato all’ospedale di Sassari. Proprio per questo motivo tutti le persone del villaggio sono state sottoposte a tampone, e non potranno uscire fino a che non si avranno i risultati.

Ad aggravare la situazione è il fatto che alcuni ospiti del villaggio, due turisti che si sarebbero dovuti recare all’aeroporto di Olbia, hanno tentato la fuga, come riportano alcuni media locali. Fortunatamente le forze dell’ordine sono riuscite ad intercettarle e a riportarli nel resort.

Turisti bloccati a La Maddalena

I turisti dovranno rimanere in isolamento preventivo all’interno del resort almeno fino a quando non si avranno gli esiti dei tamponi. Per Luca Montella, il sindaco de La Maddalena ha dichiarato che non c’è nessun allarme, dal momento che gli ospiti non potranno lasciare la struttura. Una nuova ordinanza emanata dal primo cittadino, ha inoltre esteso le misure di prevenzione imponendo l’obbligo di indossare la mascherina anche la mattina, e non solamente dalle 18:00 alle 06:00.

Anche nel comune di Arzachena, in Costa Smeralda, sono state introdotte delle nuove restrizioni dopo la scoperta di contagiati tra i vacanzieri di uno yacht e altri sulla terraferma, rendendo di fatto la Sardegna un luogo altamente esposto al coronavirus. Dopo questo focolaio e quello di Carloforte ad inizio agosto, le autorità della Sardegna hanno infatti deciso di innalzare la guardia per prevenire una possibile seconda ondata sull’Isola.

La movida sorvegliata speciale

Continua a spaventare soprattutto la movida, infatti il Governo ha deciso di correre ai ripari imponendo la chiusura delle discoteche su tutto il territorio nazionale. Recentemente infatti alcuni ragazzi di Roma, dopo essere rientrati da Porto Rotondo, in Gallura sono risultati essere positivi. Alcuni di loro arrivavano da Ibiza, ma pochi giorni prima avevano partecipato ad una serata in cui erano presenti più di 500 persone.

Prima della chiusura imposta dal Governo, un’ordinanza del Governatore Solinas permetteva l’apertura delle discoteche solamente all’aperto, a patto che fosse rispettata la distanza di sicurezza di un metro tra tutti i presenti e di almeno due metri sulla pista da ballo. Il nuovo provvedimento, secondo alcuni, potrebbe causare dei ritrovi clandestini sulle spiagge, dove i giovani potrebbero assembrarsi con feste nate al momento o all’interno di alcune ville private.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories