In spiaggia senza costume da bagno: cosa si rischia?

Si può stare in spiaggia senza costume da bagno ? Ecco quando è considerato un atto osceno in luogo pubblico e cosa rischia chi prende il sole senza veli.

In spiaggia senza costume da bagno: cosa si rischia?

In spiaggia senza costume da bagno, una pratica che a molti piace e a molti altri infastidisce. Ma cosa dice la legge a riguardo?

Prendere il sole e fare il bagno senza veli è ricollegabile al reato di “atti osceni in luogo pubblico”; infatti questa pratica è consentita solamente nelle spiagge appositamente dedicate ai naturalisti.

In tutti gli altri luoghi pubblici, quindi non solo in spiaggia, ogni cittadino è tenuto a non offendere la sensibilità altrui e quindi ad adottare regole comportamentali consone, senza svestirsi.

Tuttavia dare una definizione chiara di cosa sia considerato un “atto osceno” non è semplice. I tempi cambiano, così come la morale degli italiani. Basti pensare che il reato è stato depenalizzato dal 2016 e che, tanto per fare un esempio, il topless che prima era considerato una pratica “trasgressiva” adesso risulta normale e non offensiva.

Cerchiamo di fare il punto della situazione su cosa dice la legge e quali sono i rischi che si corrono a stare senza in spiaggia e negli altri luoghi pubblici.

In spiaggia senza costume da bagno, è reato?

La morale pubblica si evolve e con essa il Codice penale. Dunque, ad oggi, stare in spiaggia senza veli non è più considerata una pratica immorale, infatti il reato di atti osceni in luogo pubblico è stato depenalizzato nel 2016, resta tuttavia la sanzione amministrativa.

Ovviamente il rischio di essere multati scatta solamente quando si circola senza vestiti in luoghi pubblici o aperti al pubblico, mentre è sempre consentito sulle spiagge riservate ai naturalisti. Qui sono vietate solamente le pratiche esplicitamente erotiche.

Sul tema si è espressa più volte anche la Corte di Cassazione, ribadendo che il reato di atti osceni in luogo pubblico, nel caso di specie in spiaggia, si realizza solamente quando questo comportamento offende la morale degli altri bagnanti. Per esempio, il semplice topless ormai non è più considerato né offensivo né tanto meno scandaloso, per questo chi lo pratica non rischia di incorrere in multe.

In spiaggia senza costume da bagno, cosa si rischia?

La pratica di prendere il sole o fare il bagno senza veli nelle spiagge non adibite al naturismo è considerato un “atto osceno in luogo pubblico” , reato depenalizzato dal 2016; dunque è prevista solamente una sanzione amministrativa.

Nello specifico si tratta dell’articolo 527 del Codice penale, dove si legge:

“Chiunque, in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti osceni è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 30.000.”

Naturalmente la sanzione viene comminata in base alla gravità degli atti osceni (ovvero quelli che alludono alla sfera sessuale) e al luogo in cui vengono compiuti. Tanto per fare un esempio, trovarsi nudi un un grande ufficio pubblico o in area monumentali è certamente più grave rispetto a camminare svestiti lungo una strada poco trafficata.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Reato

Argomenti:

Reato

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.