In pensione subito con penalizzazione o meglio attendere?

Lorenzo Rubini

8 Aprile 2021 - 18:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp
In pensione subito con penalizzazione o meglio attendere?

Esistono misure per accedere alla pensione che, pur consentendo un anticipo corposo rispetto alla pensione di vecchiaia, prevedono penalizzazioni molto pesanti sull’assegno previdenziale. E’ il caso del regime sperimentale opzione donna.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Salve ho quasi 60 anni e 39 di contributi sono indecisa se andare in pensione già quest’anno con opzione donna o aspettare..... cosa mi consiglia? grazie”

Pensione con o senza penalizzazione?

Potrebbe accedere fin da subito all’opzione donna, ma la sua indecisione mi fa comprendere che a preoccuparla sono le penalizzazioni che la misura impone. Ed in effetti con i suoi anni di contributi è lecito riflettere visto che è vicinissima alla pensione anticipata.

L’opzione donna, infatti, può essere conveniente alla donna che anticipa l’uscita a 58 anni (o 59) con 35 anni di contributi visto che è lontana 9 anni dalla pensione di vecchiaia e 7 da quella anticipata. In questo caso il regime sperimentale permette un anticipo reale di almeno 7 anni e le penalizzazioni imposte sono facilmente ammortizzate dagli anni di assegno previdenziale in più percepito.

L’accesso all’opzione donna, poi, è conveniente per la lavoratrice che ha perduto il lavoro e che, non accedendo dovrebbe attendere il pensionamento di vecchiaia: in quel caso, penalizzazione o no, la misura garantisce un reddito mensile che altrimenti non si avrebbe.

Ma nel suo caso che ha 39 anni di contributi anticiperebbe, realmente, solo di 3 anni la pensione e la penalizzazione, a vita, sarebbe sicuramente troppo pesante. Inoltre, vista la sua indecisione nell’accedere, intuisco che è ancora in servizio. Meglio sarebbe, quindi, piuttosto che accettare un taglio anche pesante sulla pensione, attendere altri 3 anni per accedere ad un tipo di pensionamento che le garantirebbe la pensione piena.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO