I leader più grandi del mondo, sindaco di Riace al 40° posto - Fortune

Flavia Provenzani

24/03/2016

24/03/2016 - 16:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Tra i 50 leader più grandi al mondo secondo Fortune anche il sindaco di Riace grazie al suo approccio umano all’accoglienza degli immigrati.

Nell’economia, nella politica, filantropia o nelle arti, nel mondo intero, gli uomini e le donne presenti nella nuova classifica di Fortune dei 50 Laeder più grandi al mondo rappresentano un’ispirazione per tutti a seguire l’esempio.

Esordisce così l’introduzione alla classifica 2016 dei leader più grandi del mondo secondo la rivista Fortune e notiamo subito quanti dei nomi elencati siano sconosciuti ai più.
Ed è proprio per questo motivo che la classifica dei personaggi più importanti al mondo, in qualsiasi settore, risulta essere così interessante.

Scopriamo che il mondo è pieno di persone di cui in pochi hanno sentito parlare, persone impegnate a rendere la vita di molti altri migliore in un modo che neanche immaginiamo.

Il professore alla guida del team che ha portato alla luce il disastro ambientale causato dall’inquinamento dovuto al piombo nel fiume Flint, nel Michigan (USA), un membro del governo di Nuova Delhi che mette a rischio la sua nomina combattendo contro l’inquinamento, il sindaco italiano di una piccola cittadina che accoglie gli immigrati migliorando l’economia del luogo e migliorandone le prospettive.

I Leader più grandi al mondo secondo Fortune, sindaco di Riace al 40° posto

Foto: Mario Laporta - AFP/Getty Images

È il sindaco di Riace, Domenico Lucano, il nostro connazionale alla 40esima posizione.

Come spiegato direttamente da Fortune, per decenni l’immigrazione è stata vissuta come un problema per la cittadina calabrese di Riace, dove vivono 2.000 anime.
Nel 1972, a 300 metri dalle sue coste, Stefano Mariottini rinvenne delle statue di due guerrieri che sarebbero diventati noti in tutto il mondo come i Bronzi di Riace.

Quando una barca di profughi curdi ha raggiunto le sue coste nel 1998, Lucano, all’epoca un insegnante di scuola, vide un’opportunità. Gli ha offerto degli appartamenti di Riace ormai abbandonati e una formazione orientata al lavoro. Diciotto anni dopo sono in molti a pensare che il sindaco Domenico Lucano abbia salvato la città, la cui popolazione ora include anche i migranti provenienti da una ventina di paesi differenti, ringiovanendo così la sua economia.

In tutto, Riace ha ospitato più di 6.000 richiedenti asilo in tutto.

Nonostante la sua politica gli abbia fatto guadagnare una certa avversione dalla mafia e dallo Stato, ora il suo modello è studiato e adottato all’interno della crisi dell’immigrazione europea.

50 Leader più importanti al mondo: come funziona la classifica di Fortune

Molte altre figure presenti nella classifica di Fortune sono ben più note.
Il leader numero uno nel 2016 è Jeff Bezos, CEO di Amazon, ma a seguire troviamo anche Tim Cook, alla guida di Apple, e l’immancabile Papa Francesco.

Anche chi è apparso già nella classifica dei leader più grandi al mondo deve aver realizzato qualcosa di grande nell’ultimo anno. La rivista Fortune, come ogni anni, ha setacciato vari settori alla ricerca di leader eccezionali da inserire nella propria classifica.

Non è sufficiente essere realizzato, brillante, ammirevole ed ammirato. Fortune sostiene di aver compreso nella sua nuova classifica solo chi è impegnato ad ispirare altre persone a seguirli in una missione importante.

I leader di seguito, che siano volti noti o nuovi, secondo Fortune possono fare davvero qualcosa di buono per il mondo.

Sul sito internet di Fortune la classifica completa.

1. Jeff Bezos

Il CEO di Amazon, Jeff Bezos, è il primo in classifica.

2. Angela Merkel

La Cancelliera della Germania domina la scena politica europea ormai da un decennio.

È l’unico leader continentale il cui mandato risale prima della crisi finanziaria del 2008, vincitrice di tre elezioni generali, che ha portato innumerevoli avversari politici ad entrare nel suo partito.

3. Aung San Suu Kyi

Politica birmana, alla guida di National League for Democracy per i diritti umani.
Il Myanmar è in procinto di completare la transizione un tempo impensabile dalla dittatura militare al potere da oltre 50 anni alla democrazia.
Aung San Suu Kyi, 70 anni, non sarà la nuova leader del paese, almeno non ufficialmente. Ma la sua è stata una nuova linfa alla resistenza contro il dispotismo del Myanmar negli ultimi 30 anni di opposizione.

4. Papa Francesco

Pontefice della Chiesa Cattolica. Papa Francesco ha l’onore di essere tra i tre leader - insieme a Jeff Bezos e Tim Cook - ad essere inclusi nella classifica di Fortune dalla sua prima edizione.

Nell’ultimo anno sono stati tanti gli operati di diplomazia compiuti da Francesco: primo su tutti, il suo ruolo nella conciliazione tra Stati Uniti e Cuba.

5. Tim Cook

Alla guida dell’azienda di tecnologia più amata al mondo: Apple.

6. John Legend

Artista e attivista con la sua campagna Show Me.
John Legend può vantare una best song agli Oscar, 10 Grammy, e almeno 6 milioni di album venduti. Ma Legend coltiva anche il suo amore per la filantropia scrivendo editoriali, tenendo un tour nelle carceri e nelle scuole.
Con la campagna di sensibilizzazione dello scorso autunno, la Show Me Campaign, ha lanciato #FREEAMERICA, contro la carcerazione di massa.

7. Christiana Figueres

Diplomatico della Costa Rica, analista e segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

8. Paul Ryan

Presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti d’America.

9. Ruth Bader Ginsburg

Magistrato statunitense, giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti.

10. Sheikh Hasina

Primo ministro del Bangladesh.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.