Giocattoli ritirati dal mercato perché pericolosi per i bambini: l’allarme dell’ISS

Elisa Corpolongo

21/07/2021

21/07/2021 - 22:38

condividi

L’ISS lancia l’allarme e dei giocattoli vengono ritirati dal mercato: ecco quali sono i più pericolosi per i bambini piccoli.

Giocattoli ritirati dal mercato perché pericolosi per i bambini: l'allarme dell'ISS

L’Istituto Superiore di Sanità ha condotto una ricerca in merito alle analisi chimiche di molti giocattoli immessi nel mercato durante gli ultimi 5 anni ed è risultato che uno su cinque è fuori norma.

In particolare, la pericolosità riguarda alcune categorie di giocattoli, non tutti, di cui una buona percentuale non rispetta i limiti per contaminazione da muffe e batteri, mettendo così a repentaglio la salute dei bambini.

In merito, l’Istituto Superiore di Sanità lancia l’allarme e molti giocattoli vengono ritirati dal mercato: vediamo quali sono i più pericolosi per i più piccoli.

Il rischio microbiologico dei giocattoli

I giocattoli in questione presi in considerazione nello studio legato al rischio microbiologico, sono quelli che contengono liquidi oppure i giochi di natura gommosa, morbida o gelatinosa.

Com’è noto a tutti i genitori, i bambini sono naturalmente inclini a portare spesso i giocattoli alla bocca, anche qualora questi siano destinati a un diverso utilizzo. Il rischio nel portare i giocattoli alla bocca è quello di eventuali contaminazioni da germi e batteri, ma anche da sostanze ritenute non a norma in alcune tipologie di giocattoli che si trovano in commercio al momento.

Cosa dice lo studio dell’Istituto Superiore di Sanità

In linea generale, per i giocattoli presi in analisi durante il periodo che va dal 2016 al 2020, il 19% di tutti i prodotti analizzati (per un totale di 256) non è risultato a norma secondo le linee direttive europee, a causa di presenza di muffe e batteri.

Lo studio è stato svolto con l’intento di cercare batteri di origine umana del gruppo degli enterobatteri, Staphylococcus aureus e microrganismi di origine ambientale come muffe e lieviti. In merito, i ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità spiegano che il rischio associato alle cariche microbiotiche riscontrato non preoccupa in una popolazione adulta, ma invece può causare danni per i bambini, poiché questi hanno un sistema immunitario ancora in via di sviluppo.

Quali sono i giocattoli più pericolosi per i bambini

I giocattoli ritenuti a rischio dall’Istituto Superiore della Sanità, sono tutti quei giocattoli che contengono liquidi o gel, come per esempio le bolle di sapone, i pupazzi gelatinosi morbidi e gli animaletti in gomma.

Altre categorie di prodotti ritenute a rischio sono le palline anti-stress, gli yo-yo, perle in gel o tubetti contenenti gel, pitture che si usano direttamente con le mani o ancora, giochi di natura cosmetica per bambini.

Per tutte queste categorie di giocattoli c’è bisogno di fare molta attenzione. Nonostante la pericolosità che si può incontrare, esistono delle linee guida per prevenire eventuali infezioni ed evitare problemi per i bambini, in particolar modo i più piccoli sotto i tre anni.

Come prevenire eventuali problemi per i bambini

Tra i consigli possibili per evitare problemi microbiologici per i bambini, ci sono alcune linee guida che sarebbe bene seguire quando si comprano o si regalano giocattoli ai più piccoli.

Per esempio, è bene sempre tenere conto dei limiti d’età riportati sulla confezione. Infatti, la maggior parte dei giocattoli con contenuto liquido o gelatinoso è sconsigliata al di sotto dei tre anni. In particolare, i bambini sotto i tre anni dovrebbero usare giochi espressamente e dichiaratamente creati per quella fascia d’età.

Per di più, è importante insegnare il prima possibile ai bambini a non portare giochi alla bocca, in quanto si tratta del miglior modo per prevenire infezioni da muffe e batteri. Occorre anche verificare le condizioni di un giocattolo prima di darlo a un bambino, in modo da verificarne l’integrità.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it