Forze Armate: il Ministro della Difesa annuncia il taglio alle missioni internazionali

Il Ministro della Difesa - Elisabetta Trenta - ha in mente di ridurre le forze italiane impiegate nelle missioni internazionali; si partirà dall’Afghanistan.

Forze Armate: il Ministro della Difesa annuncia il taglio alle missioni internazionali

Nei prossimi mesi il Governo dovrebbe tagliare i fondi per le missioni internazionali nei quali è impiegata l’Italia, con una riduzione notevole di forze impiegate in Paesi come l’Afghanistan.

Lo ha annunciato il Ministro della Difesa - Elisabetta Trenta - nel corso dell’incontro avvenuto di fronte alle commissioni Difesa di Camera e Senato in cui ha presentato le linee programmatiche del suo dicastero.

D’altronde l’Italia è l’undicesimo Paese del mondo per spesa militare, con 29,2 miliardi di euro spesi nel solo 2017. Ed è proprio per finanziare il costoso sistema militare italiano che il nostro esercito è impiegato su più fronti in diverse missioni internazionali.

Tuttavia l’obiettivo del Governo del cambiamento - già indicato da Lega e Movimento 5 Stelle e adesso ribadito dal Ministro della Difesa - è quello di ridurre la spesa statale per le missioni internazionali, concentrando le spese per valorizzare - anche economicamente - il lavoro delle Forze Armate e per incrementare gli organici (i quali dovranno essere dotati di armamenti più all’avanguardia).

Inoltre una parte di quanto risparmiato potrebbe essere utilizzata sul fronte pensioni o anche per l’introduzione di nuove misure per il contrasto alla povertà; senza dimenticare poi il delicato tema delle infrastrutture, molte delle quali necessitano di urgente manutenzione.

Nuovi obiettivi per la missione in Afghanistan

Insomma, le missioni internazionali almeno per un po’ saranno ridotte allo stretto indispensabile. Si partirà proprio dall’Afghanistan, dove, come dichiarato dal Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, il contingente dovrà essere rivisto a livello “quantitativo concertando gli avvicendamenti con gli alleati”.

D’altronde la stessa Trenta ha ricordato che l’obiettivo della missione Resolute Support in Afghanistan ormai è cambiato, visto che i 16 mila uomini impiegati dall’Italia non devono più dare supporto per sconfiggere i Talebani. Adesso è necessario indurli al “tavolo negoziale”, isolando le frange terroristiche e sostenendo l’azione di contrasto alle forze afghane.

Per questo motivo quindi l’Italia ha intenzione di ridurre il contingente in Afghanistan e lo stesso verrà fatto anche in altri Paesi con la conseguenza che per i militari italiani l’impiego nelle missioni internazionali sarà sempre meno frequente.

La missione internazionale in Niger

Parlando sempre di missioni internazionali il Ministro della Difesa ha fatto chiarezza su quanto sta succedendo in Niger; come in molti sapranno, infatti, le autorità locali hanno posto lo stop all’impiego di militari italiani sul loro territorio.

A tal proposito il Ministro della Difesa si è detto disponibile ad un dialogo con le autorità, con la possibilità di inviare piccole unità formative su quel territorio.

Quindi non un grande impiego di forze, accettando quanto stabilirà il Governo locale; nonostante ciò il nostro Paese non intende rinunciare alla possibilità di vigilare su quei territori visto che si stratta di un punto strategico da dove fermare i flussi verso la Libia.

Nessuna possibilità di aumentare le risorse per la Difesa

Visto quanto appena detto, l’Italia non ha alcuna intenzione di aumentare la spesa per la Difesa, anzi semmai l’intenzione è quella di ridurla cominciando a risparmiare sulle missioni internazionali.

A tal proposito Elisabetta Trenta ha commentato la richiesta fatta da Trump, il quale nell’ultimo vertice Nato di Bruxelles ha chiesto ai partner dell’Alleanza atlantica - Italia compresa - di aumentare la spesa militare facendola arrivare al 4% del PIL. Una richiesta inverosimile secondo il Ministro della Difesa italiano, in quanto già arrivare al 2% - spese per la difesa cibernetica comprese - non sarà per nulla semplice.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Elisabetta Trenta

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.