Tra tutti gli stabilimenti di Fiat Chrysler in Europa quello che di sicuro gode di migliore salute in questo momento ed in maniera piuttosto netta è l’impianto FCA di Melfi. Il sito produttivo lucano di Fiat Chrysler nelle scorse ore ha infatti annunciato un importante traguardo. Dopo molti anni infatti a settembre la fabbrica di auto tornerà a funzionare a pieno regime.

Ottime notizie per lo stabilimento Fiat Chrysler di Melfi

Infatti gli ordini dei 3 modelli che vengono fabbricati a Melfi, Jeep Renegade, Compass e Fiat 500X stanno andando a gonfie vele. Questo ha reso necessario la strutturazione a dieci turni, fra cui quattro sabati in straordinario a causa della saturazione delle linee di produzione di Jeep Renegade e Fiat 500X.

La stessa cosa accadrà anche nelle linee in cui vengono prodotte le nuove Jeep Renegade e Compass ibride. Le due vetture sembrano essere state particolarmente apprezzate dai clienti europei che hanno già riempito di ordini le concessionarie del gruppo Fiat Chrysler. Ovviamente di questo aumento della produzione beneficeranno non solo i dipendenti di Melfi che finalmente torneranno a lavorare a pieno regime, ma anche tutte le aziende dell’indotto che dovranno aumentare anche loro la produzione.

Ovviamente i sindacati festeggiano queste notizie. Questo in quanto non solo a Melfi si è finalmente tornato a lavorare a pieno regime ma è anche necessario, per la prima volta dopo molti anni, il lavoro straordinario. Questo grazie ad un picco di ordini per i 3 modelli che sono prodotti in quella fabbrica e all’ottimo debutto delle versioni ibride.

Le cose nei prossimi anni potrebbero ulteriormente migliorare se davvero Melfi sarà scelta come stabilimento per la produzione del nuovo mini SUV Jeep. In quel caso ovviamente sarà necessario assumere nuovo personale per lo stabilimento che in Europa da molti viene considerato come un vero e proprio modello.