In attesa delle misure che entreranno in vigore dal prossimo gennaio, con cui non potranno più circolare le auto Diesel Euro 3 e Euro 4, a Milano è scattato il blocco delle auto in seguito al superamento dei valori di polveri sottili nell’aria per 5 giorni di fila.

Da oggi, martedì 23 ottobre, è scattato il divieto di circolazione per le auto Diesel Euro 4 a Milano e in 15 comuni dell’hinterland.

Il divieto è valido dalle 8.30 alle 18.30, e la prossima misurazione sarà presa giovedì 25 ottobre. Potranno invece circolare liberamente le auto Diesel Euro 5 e Euro 6 e le auto a benzina, escluse le Euro 0 e i veicoli commerciali.

Emissioni, a Milano si fermano le auto Diesel

Il blocco del traffico temporaneo è scattato in seguito al superamento del valore di 50 microgrammi di Pm10 al metro cubo d’aria per cinque giorni a partire dallo scorso mercoledì e riguarda Milano e altri comuni, come previsto dall’Accordo Aria del 2017 sottoscritto da Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna.

Le auto Diesel Euro 4 si fermano oltre che a Milano anche a Abbiategrasso, Bollate, Cernusco sul Naviglio, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Corsico, Legnano, Paderno Dugnano, Pioltello, Rho, Rozzano, San Donato, San Giuliano, Segrate e Sesto San Giovanni.

Inoltre, come misura di primo livello al superamento dei valori delle polveri sottili, è prevista anche la limitazione a 19° per i riscaldamenti domestici e delle attività commerciali.

Gli ultimi rimedi emergenziali

Da gennaio 2019 saranno sicuramente più rari questi provvedimenti straordinari poiché Milano con la nuova Area B attuerà il blocco al traffico di tutte le auto Diesel fino Euro 3, aggiungendo Euro 4 ed Euro 5 di anno in anno.

Questa misura, rigida e criticata dagli automobilisti ma condivisa anche a Torino e in Emilia Romagna, taglierà nettamente le emissioni in tutta l’area metropolitana di Milano, riducendo i livelli di polveri sottili e di conseguenza gli stop temporanei.

Il blocco delle auto di Milano è una misura che la eguaglierà alle altre grandi città e che ripulirà l’aria sopra la Madonnina, sicuramente un provvedimento difficile per molti automobilisti che si muovono su auto datate ma che inevitabilmente accelererà il rinnovamento del parco auto.