È legale cambiare colore dell’auto? Come fare e quanto costa

Marco Lasala

30 Marzo 2022 - 14:30

condividi

Avete comprato un veicolo usato, è perfetto, ha pochi chilometri e nell’allestimento desiderato, ma il colore dell’auto non vi soddisfa? Ecco come fare per cambiarlo e quanto costa.

Cambiare colore dell’auto, una scelta dettata spesso da un’esigenza estetica. Se in passato l’unica strada percorribile per dare un nuovo volto a un veicolo di seconda mano era riverniciare la carrozzeria, oggi è possibile anche utilizzare moderne tecniche di rivestimento.

È così possibile cambiare colore dell’auto anche con il car-wrapping e il car-dipping, due nuove tecniche che stanno prendendo in Italia sempre più piede e che a differenza della classica operazione di verniciatura, offrono la possibilità di tornare indietro, ovvero al colore originale della vettura.

Prima di spiegare le procedure, costi e tecniche delle varie strade percorribili nel caso si voglia cambiare la vernice della carrozzeria occorre precisare che il tutto è legale, non richiede alcun aggiornamento del libretto di circolazione a patto che non siano utilizzate vernici cromate o luminescenti, che possano creare disturbo o pericolo agli altri veicoli.

Cambiare colore dell’auto: riverniciare la carrozzeria

È senza ombra di dubbio una delle soluzioni più scelte dagli automobilisti italiani, il consiglio è sempre quello di rivolgersi ad carrozzeria specializzata, un professionista del settore sarà in grado, una volta visionata l’auto, di fare un preventivo, aggiornando il cliente anche sulle modalità di esecuzione e i tempi.

Materialmente il carrozziere dovrà smontare la vettura in alcune sue parti, dal paraurti anteriore a quello posteriore fino ai gruppi ottici e alle cornici dei cristalli, per poi pulire attentamente l’intero corpo macchina e procedere così alla prima delicata operazione di smerigliatura.

In pratica con questa operazione viene completamente rimossa la vernice, la carrozzeria ritorna così al suo colore alluminio originale, successivamente vengono effettuate, se necessario, riparazioni, il tutto con dello stucco. Levigato il tutto, il carrozziere passa sull’intera carrozzeria una prima mano di primer, un aggrappante indispensabile perché la vernice si assesti bene.

Per chi intende risparmiare senza la completa riverniciatura della vettura, è possibile anche “colorare” solo le parti esterne visibili, portiere, montanti, cofano motore, baule e tetto, lasciando intatte le zone interne.

Il tempo richiesto varia dai 5 ai 7 giorni, per un costo che oscilla dai 1.500 fino ai 5.000 euro, tutto dipende dalla grandezza della vettura, marca e se viene scelta una vernice originale.

Altra tecnica in voga soprattutto in America ma importata nel vecchio continente già da qualche anno è il Car Wrapping.

Si tratta di una operazione lunga e meticolosa che consiste nel rivestire la carrozzeria con una pellicola, in genere la procedura è abbastanza semplice, lavata la vettura, smontati gruppi ottici, badge identificativi, maniglie ed eventuali spoiler sopra lunotto, si procede ad applicare una pellicola adesiva sul corpo macchina utilizzando per la sua estensione un phon caldo.

Il risultato finale, viste anche le tantissime pellicole esistenti in commercio, è del tutto identico a quello della verniciatura, per il costo si parte dai 700-1000 euro fino a superare i 3.000 euro, tutto dipende oltre che dalle dimensioni della vettura dalla qualità e tipologia della pellicola.

Cambiare colore dell’auto: il Car-dipping

Un passaggio successivo rispetto a quello del wrapping è il car dipping, ovvero applicare un colore a base neutra sulla vernice della vettura.

Per la sua preparazione, vale quanto scritto in precedenza, a vettura pulita e con diverse parti smontate, l’operatore all’interno di una pistola con compressore contenente della vernice specifica, effettuerà una completa operazione di verniciatura dell’intera carrozzeria, la differenza con la classica procedura è che nel caso si è stufi del colore, la vernice potrà essere completamente rimossa esattamente come se fosse una pellicola, per fare ciò esistono in commercio vernici specifiche.

Il costo è allineato con quello del car wrapping, il grande vantaggio è la sua facile rimozione ma anche la possibilità di rivestire elementi quali cerchi e fari, con una resa simile all’originale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it