Deficit al 2,4%: nel Def ci sono Reddito di Cittadinanza e riforma delle pensioni

Alla fine il ministro Tria cede: deficit al 2,4% e via libera nel Def a tutte le principali richieste di Lega e Movimento 5 Stelle.

Deficit al 2,4%: nel Def ci sono Reddito di Cittadinanza e riforma delle pensioni

Alla fine hanno vinto loro, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che hanno piegato le strenue resistenze del ministro dell’Economia Giovanni Tria: nella nota di aggiornamento al Def, il rapporto tra deficit e Pil sarà al 2,4%.

Saltata quindi la Linea Maginot eretta da Palazzo Tesoro, dove non si voleva andare oltre a un deficit dell’1,6%, così nella prossima legge di Bilancio ci sarà spazio per Reddito e Pensione di Cittadinanza, inizio di Flat Tax e Quota 100 per le pensioni.

Un Def all’insegna del deficit

L’immagine simbolo che rimarrà di questa lunga giornata è quella dei militanti 5 Stelle, tra abbracci e bandiere, che festeggiano sotto Palazzo Chigi per quello che per loro è un momento storico.

Quello che fino a poco tempo fa era un sogno adesso è pronto a diventare realtà: nella nota di aggiornamento al Def ci sono le risorse per l’avvio del Reddito di Cittadinanza anche per le pensioni, con le minime che saranno aumentate a 780 euro.

Una vittoria senza dubbio per il Movimento 5 Stelle che da giorni era in forte pressing sul Ministero dell’Economia, ma anche la Lega può brindare per aver portato a casa diversi provvedimenti che da tempo aveva annunciato.

Nel testo ci sarà quindi spazio per una primo assaggio di Flat Tax, con l’aumento della platea per il regime forfettario riservato alle partite Iva, ma anche per un inizio di smantellamento della odiata riforma Fornero.

Via libera dunque alla Quota 100, anche se ancora c’è da capire quali saranno i vari parametri per poter andare in pensione. Tutte misure queste presenti nel programma di governo, che saranno però finanziate quasi in toto in deficit.

Nei giorni scorsi tanto si era parlato della soglia dell’1,6% da non superare secondo via XX Settembre. Alla fine il ministro Tria, che ora potrebbe anche dimettersi, ha ceduto con l’asticella del deficit che sarà al 2,4%.

Bisogna comunque specificare che ora queste direttive dovranno trovare concretezza nella legge di Bilancio, che avrà un lungo percorso parlamentare che si concluderà in pratica a fine dicembre.

L’interrogativo maggiore però rimane quello legato alla reazione di Mercati: il governo ha deciso di forzare la mano alzando il deficit al 2,4%, ora si dovrà capire come reagiranno i vari investitori.

Di Maio: “Manovra del popolo”

Più che euforico Luigi Di Maio, acclamato dai suoi fuori da Palazzo Chigi per aver portato a casa l’avvio del Reddito di Cittadinanza. Sua la prima voce del governo che ha illustrato cosa ci sarà nel Def.

Il deficit sarà al 2,4% - ha spiegato il leader del Movimento 5 Stelle - ci sono finanziamenti per il Reddito di Cittadinanza, il superamento della Fornero, l’inizio della Flat Tax, il fondo per risarcire i risparmiatori truffati dalle Banche e abbiamo anche evitato l’aumento dell’Iva”.

Sono giorni che si parla del 2,4% - ha continuato Di Maio riferendosi alle possibili turbolenze dei Mercati - ci sono molti investimenti e puntiamo sulla crescita con tanta gente che si aspetta di trovare lavoro e di andare in pensione. Questa è una Manovra del popolo”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Def (Documento di economia e finanza)

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.