Decoder DVB T2: quanto costa e quale scegliere per il nuovo digitale terrestre

Matteo Novelli

25 Gennaio 2021 - 13:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quale decoder DVB T2 acquistare e quanto costa? Ecco quale modello scegliere e la guida completa per l’acquisto dell’apparecchio per il nuovo digitale terrestre.

Decoder DVB T2: quanto costa e quale scegliere per il nuovo digitale terrestre

Il nuovo digitale terrestre è alle porte e in tanto invece di cambiare TV si affideranno al decoder DVB T2 in grado di rendere il proprio televisore aggiornato alle nuove frequenze: ma quanto costa, come funziona e quale scegliere?

I decoder abilitati al DVB T2 sono diversi e per scegliere uno c’è davvero l’imbarazzo della scelta: questi dispositivi, dal prezzo contenuto, permettono di risparmiare sul passaggio al nuovo digitale terrestre conservando le vecchie TV che non supporteranno più il segnale a partire dal 2022 (per l’acquisto si può anche approfittare del Bonus TV).

Se il vostro televisore è stato acquistato dal 2017 in poi non dovreste avere problemi in quanto quasi tutti gli apparecchi prodotti da quell’annata in poi dispongono di questo formato, ma alcuni dettagli (come il codec) potrebbero variare: il miglior modo per capire se il vostro televisore necessità di un upgrade è collegarsi ai vari canali test disponibili direttamente dal vostro telecomando.

Decoder DVB T2: come funziona

Lo spegnimento del formato attuale è atteso per l’estate del 2022, seguendo anche quanto emanato dalla Commissione Europea che ha dato il via libera alle trasmissioni a 700 MHz già da diversi mesi. Munirsi di un TV adatto o di un decoder abilitato sarà necessario per evitare di vedere tutti i canali normalmente visibili oscurati.

Si passerà da DVB-T a DVB T2 non solo per facilitare l’ascesa delle connessioni 5G ma anche per avere una potenza maggiore di connessione, il nuovo segnale potrà superare infatti alcuni limiti strutturali delle nostre dimore dati dai materiali edili utilizzati (il cemento armato per esempio blocca e rallenta spesso il segnale), migliora inoltre la definizione dei contenuti in alta definizione e 4K.

Il decoder una volta acquistato si collega comodamente alla TV attraverso presa elettrica e cavo HDMI, trasformando il vecchio apparecchio in un nuovo televisore.

Decoder DVB T2: quanto costa, prezzo e quale scegliere

Ci sono diversi modelli in vendita ma in generale un buon decoder DVB-T2 viene in media 30 euro. In fase di acquisto molto dipende dalla tipologia di decoder prescelto. Sì, ce ne sono di diverso tipo:

  • decoder zapper standard, ovvero il modello entry level con tecnologia DVB T2 che permette di avere solo la visione dei canali in chiaro adattati al nuovo formato (bollino grigio)
  • decoder interattivo per Pay TV, identico al precedente ma aggiunge le frequenze dedicati a canali pay grazie anche allo slot per le carte d’abbonamento (bollino blu);
  • decoder HD, permettono di ricevere i canali in alta definizione per chi ha un televisore abilitato allo standard HD ma non può ricevere il segnale DVB T2 (bollino oro);
  • decoder 4K, come il precedente ma alza la qualità video allo standard indicato ed è il più completo tra quelli in commercio (bollino platino).

Argomenti

# TV

Iscriviti alla newsletter

Money Stories