DPCM 6 novembre: i nonni possono vedere i nipoti? Cosa prevede il decreto

Il DPCM del 6 novembre è appena entrato in vigore, dividendo l’Italia in tre fasce, con limitazioni specifiche. Cosa è previsto per proteggere i nonni?

DPCM 6 novembre: i nonni possono vedere i nipoti? Cosa prevede il decreto

Il DPCM del 6 novembre, con la novità delle differenze tra Regioni per quanto riguarda le misure restrittive, sta suscitando una serie di quesiti.

Cosa si può o non si può fare in base alle limitazioni imposte dal Governo? Ci sono regole che valgono per tutto il territorio nazionale?

Alcune risposte arrivano dalla pagina istituzionale dell’esecutivo, con la pubblicazione delle Faq a schiarire alcuni dubbi.

Tra questi, la questione delicata del rapporto nonni/nipoti. Si possono ancora portare in visita i bambini nelle case dei più anziani di famiglia? Come cambia il rapporto per salvaguardare la salute dei nonni?

Il DPCM del 6 novembre non impone divieti in questa materia così complessa a livello umano e relazionale, ma indica delle direzioni da seguire per tutelare i nonni.

Nonni e nipoti: cosa prevede il DPCM 6 novembre

Conte lo ha appena ripetuto: le ultime decisioni assunte con il DPCM del 6 novembre sono l’ancora di salvezza per evitare il lockdown nazionale.

Attenersi a quanto stabilito nelle disposizioni, quindi, è considerato fondamentale per evitare le più drastiche misure. Anche se le Regioni sono state divise per fasce di colore in base alla criticità epidemiologica e sanitaria evidenziata, ci sono importanti indicazioni valide per tutta la popolazione.

Per esempio, un tema delicato è il rapporto nonni/nipoti: possono ancora vedersi? Il quesito nasce da una evidenza scientifica: le persone anziane, purtroppo, sono le più vulnerabili dinanzi al virus e quelle che maggiormente rischiano di morire una volta contagiate.

Allo stesso tempo, i giovani, bambini e ragazzi, restano categorie rischiose, visto che frequentano la scuola e gli amici coetanei. In più, proprio l’ambiente familiare è risultato quello con maggiore probabilità di infezione in questa seconda ondata.

Come salvaguardare, allora, i nonni e il rapporto umano e affettivo con i nipoti?

Dalle faq del Governo sul DPCM appena entrato in vigore emerge questa indicazione:

È possibile ma fortemente sconsigliato spostarsi per accompagnare i propri figli dai nonni o per andarli a riprendere all’inizio o al termine della giornata di lavoro. Questo spostamento è ammesso solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore

La nota sottolinea che i contatti sono molto rischiosi per gli anziani e quindi resta preferibile che “i figli rimangano a casa con uno dei due genitori che usufruiscono di modalità di lavoro agile o di congedi”.

A tal proposito il Governo ha appena approvato il decreto Ristori bis con bonus baby sitter e congedi proprio per aiutare le famiglie in difficoltà dinanzi a bambini e ragazzi in Dad.

Argomenti:

Italia DPCM Lockdown

Iscriviti alla newsletter

Money Stories