Coronavirus, il test da 25 euro che scopre positività in 15 minuti

Le Regioni corrono ad acquistare il nuovo test in grado di confermare positività al coronavirus in soli 15 minuti

Coronavirus, il test da 25 euro che scopre positività in 15 minuti

Un test per il coronavirus da 25 euro che verifica la positività in 15 minuti. È la novità in arrivo dalla Cina, il primo Paese che ha dovuto affrontare l’emergenza sanitaria. Il test si chiama VivaDiag Covid 19 ed è commercializzato in Italia dall’azienda pugliese Alpha Pharma.

Al riguardo, tuttavia, Federfarma specifica: “a oggi, i test basati sull’identificazione di anticorpi (sia di tipo IgM che di tipo IgG) diretti verso il virus SARS-CoV-2 non sono in grado di fornire risultati sufficientemente attendibili e di comprovata utilità per la diagnosi rapida nei pazienti che sviluppano COVID-19 e che non possono sostituire il test classico basato sull’identificazione dell’RNA virale nel materiale ottenuto dal tampone rino-faringeo”.

Nuovo test coronavirus in 15 minuti

Il nuovo test rapido in vitro per il coronavirus è stato realizzato dall’azienda VivaChek, ad Hangzhou in Cina. VivaDiag Covid 19, spiega Alpha Pharma, l’azienda che si occupa di distribuirlo in Italiaè un test diagnostico per la determinazione qualitativa degli anticorpi IgM e IgG anti-Covid-19 nel sangue umano. Il campione può essere prelevato da vena o da polpastrello.

Parlando a Fanpage.it, Michele Cassese, amministratore delegato di Alpha Pharma, ha detto che sono state effettuate le prime consegne, “ma le spedizioni più consistenti ci saranno verso la fine di questa settimana”.

Sia la rapidità che l’efficacia del test nell’individuare i positivi potrebbero essere determinanti per il successo di VivaDiag Covid 19. Come hanno rivelato numerosi studi scientifici, la pericolosità del coronavirus consiste infatti nell’alta trasmissibilità degli asintomatici. Ed è proprio su questi ultimi che si gioca la partita del contenimento della pandemia e non è certo che il test commercializzato da Alpha Pharma sia in grado di individuarli.

In uno studio del Journal of Medical Virology, citato dal Guardian, a proposito dei test seriologici rapidi, si dice che questi ultimi individuano degli anticorpi che si sviluppano solo dopo la comparsa dei primi sintomi, e non durante l’incubazione.

Covid-19, Chironna: “Regioni usino tamponi”

La stessa responsabile del laboratorio di epidemiologia molecolare e sanità pubblica del Policlinico di Bari, Maria Chironnna, ha detto che tali test “non sono assolutamente vlidati per la diagnosi da infezione da Sar-CoV-2 e possono essere utilizzati unicamente ai fini di ricerca”.

Intanto però è già partita la corsa delle Regioni per l’acquisto del kit. La Campania avrebbe già fatto un milione di prenotazioni, altre richieste sarebbero arrivate anche da Basilicata, Calabria, Liguria, Lombardia e Sicilia.

Nulla di male, a patto che le Regioni, mette in guardia Chironna, continuino ad attenersi a quanto stabilito dal ministero della Salute e dall’Iss a proposito dell’accertamento dei casi di Covid-19 che “deve essere fatto solo dai laboratori della rete regionale”.

Il test VivaDiag dovrebbe essere sempre essere svolto con l’assistenza o sotto la guida di un medico o di un operatore sanitario esperto, soprattutto per quanto riguarda la lettura del risultato. Sarà distribuito ai presidi medici ospedalieri, soggetti privati e forse anche alle farmacie.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Coronavirus

Argomenti:

Italia Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.