Lo smaltimento della batteria dell’auto è un’operazione che deve essere svolta in un modo ben preciso, dal momento questa componente del veicolo risulta inquinante. Gettare la batteria dell’auto dovrà quindi esser un’operazione da effettuare con determinate accortezze e facendo attenzione a smaltire la componente in modo adeguato.

Le batterie delle auto devono essere smaltite in modo corretto dal momento che contengono sostanze altamente inquinanti e nocive per l’ambiente. Metalli pesanti, acidi e piombo potrebbero infatti finire dispersi nella natura nel caso in cui non si adottassero le dovute accortezze nello smaltimento e non ci si rivolgesse a dei professionisti.
Ma come si deve smaltire la batteria della macchina? Dove ci si deve recare per gettarla in modo corretto? Andiamo a scoprire in che modo disfarsi della batteria dell’auto usata senza commettere errori.

Come smaltire la batteria usata dell’auto?

Per gettare in modo corretto la batteria dell’auto si hanno diverse opzioni, proposte che permettono di non disperdere nell’ambiente questa componente. Uno dei modi che si hanno a disposizione per smaltire la batteria dell’auto è individuare un punto di raccolta di questo tipo di rifiuti vicino al proprio domicilio.
Potrete trovare i punti di raccolta più vicini a casa vostra molto semplicemente contattando la ditta che si occupa dello smaltimento dei rifiuti nel vostro Comune.

Altra modalità con cui è possibile smaltire la batteria è recarsi presso il proprio rivenditore di fiducia, sarà poi lui ad occuparsi dello smaltimento e del corretto riciclo della batteria usata. Il rivenditore è tenuto a riprendere la batteria esausta, dal momento che per legge questi punti sono obbligati al recupero e allo smaltimento della vecchia batteria.
L’obbligo però vi è solo se il lavoro viene effettuato in officina, dal momento che il rivenditore deve avere la certezza della provenienza della componente. Non vi sarà chiesto in questo caso alcun contributo aggiuntivo per lo smaltimento, dal momento che i costi sono già inclusi nell’acquisto della nuova batteria.

Ovviamente non potrete fare affidamento a questa modalità di smaltimento nel caso in cui decideste di effettuare il cambio di componente in modo autonomo. In questo caso dovrete o cercare un’isola ecologica o un punto di raccolta, come abbiamo visto prima, oppure provare a contattare il COBAT (Consorzio Obbligatorio per le Batterie al Piombo Esauste e i Rifiuti Piombosi). Tramite questo ente potrete conoscere i punti di raccolta più vicini a casa vostra e recarvi in questi punti per gettare in modo idoneo la batteria dell’auto esausta.

Smaltimento batteria auto elettrica: come fare?

Discorso molto simile si deve fare anche per le batterie delle auto elettriche, dal momento che questi elementi risultano inquinanti come quelli dei mezzi a benzina. Le batterie delle automobili elettriche contengono infatti litio, un elemento altamente inquinante e che non dovrà in nessun caso essere disperso nell’ambiente.

Una volta esaurite le batterie al litio devono quindi essere portate in appositi centri di smaltimento, che tratteranno in modo idoneo la componente. Il problema dello smaltimento delle batterie delle auto elettriche è il costo, che risulta ancora piuttosto elevato. Il centro specializzato chiederà infatti un contributo di 4/4.5€ al kg per gettare in modo corretto la vostra batteria.
In Italia esistono alcune realtà, come ad esempio COBAT, che si occupano dello smaltimento di questi rifiuti e che operano per smaltire le sostanze inquinanti presenti nelle batterie delle auto elettriche.

Dato l’elevato costo di smaltimento di queste componenti si sta cercando sempre più di sviluppare progetti di riutilizzo e riciclo di questi elementi, in modo da dargli nuova vita e da incentivare i processi di economia circolare.