Come diventare camionista e quanto si guadagna

Elisa Corpolongo

10/08/2021

23/11/2021 - 15:25

condividi

Per diventare camionista bisogna seguire uno specifico iter tra conseguimento della patente e idoneità: ecco come fare e quanto si guadagna.

Come diventare camionista e quanto si guadagna

Il camionista o autotrasportatore ha mansioni ben delineate. Si tratta di un lavoro molto impegnativo e che richiede grossa concentrazione alla guida. Proprio per questo motivo, specialmente su tratte lunghe, si tratta di un lavoro ben pagato.

Non è semplice, comunque, diventare camionista. Per chi desidera intraprendere questo tipo di carriera lavorativa, esistono dei requisiti da rispettare e degli iter prestabiliti da seguire: ecco come diventare camionista e anche quanto si guadagna.

Cosa serve per diventare camionista

Per diventare camionista serve l’iscrizione all’albo degli autotrasportatori per trasportare mezzi a carico di 3,5 tonnellate. La base di partenza per poter iniziare la carriera come camionista è un certificato di idoneità da parte del medico per poter procedere con il conseguimento della patente. Qualora non si ottenga questo certificato medico, non sarà possibile continuare.

In concomitanza col certificato medico, si devono conseguire le patenti C e CQC. La patente C serve per la guida dei camion per utilizzo personale, mentre la CQC è la Carta di Qualificazione del Conducente, ossia l’abilitazione di guida professionale necessaria per chi guida il trasporto merci o persone su strada pubblica.

A differenza di quanto avviene per la patente B, le patenti che sono necessarie per diventare camionista devono essere rinnovate ogni cinque anni fino a giungere al compimento dei sessantacinque anni d’età e poi ogni due anni.

Come si prende la patente da camionista

Per ottenere la patente CQC bisogna seguire un corso e superare un esame. Non finisce comunque qui. Infatti, in seguito al conseguimento della patente ci sarà bisogno di seguire diversi corsi di aggiornamento presso le normali scuole guida, dove si consegue la patente.

Sarà necessario studiare un manuale CQC che verrà fornito proprio dalla scuola guida dove si intende sostenere l’esame. L’esame finale consiste in un test e c’è un margine d’errore di 6 risposte. Ciò significa che se si commetteranno 7 errori si dovrà ripetere il test una seconda volta.

Per sostenere l’esame bisogna compilare il modulo TT 2112 e in concomitanza con la domanda si dovranno consegnare alla scuola guida due foto tessera e le ricevute dei versamenti. Servirà, inoltre, un documento d’identità in corso di validità con due fotocopie fronte retro e due copie del codice fiscale o tessera sanitaria.

Quanto guadagna un camionista

Lo stipendio medio di un camionista è di circa 1.750 euro netti per ogni mensilità. Si tratta di circa 33.000 euro lordi ogni anno e questo stipendio è superiore di 200 euro, ossia il +13%, di uno stipendio medio in Italia. Lo stipendio di un camionista può variare dai 1.300 euro netti per ogni mese di lavoro alla retribuzione massima di 2.900 euro al mese.

Tra le retribuzioni più basse si collocano quelle dei camionisti che viaggiano su tratte solo nazionali o dei camionisti per tratte brevi. Al contrario, i camionisti per trasferte all’estero o anche i camionisti internazionali raggiungono retribuzioni più elevate.

L’esperienza conta nella retribuzione?

Il calcolo per lo stipendio non si basa solo sulla percorrenza: l’esperienza di un camionista conta. Un camionista senza esperienza, infatti, può ambire ad una retribuzione complessiva di circa 1.450 euro netti al mese.

Invece, un camionista a metà carriera, con circa 4-9 anni di esperienza, può guadagnare anche 1.780 euro mensili. Più aumenta l’esperienza, più alta è la retribuzione. Un camionista con 10 o anche 20 anni di esperienza alle spalle può arrivare a guadagnare anche 2.250 euro.

Argomenti

# Lavoro
# Camion

Iscriviti a Money.it