Come la Cina ha preso il controllo dell’OMS

Vincenzo Caccioppoli

22 Aprile 2020 - 13:01

Tutti gli errori dell’OMS nella gestione della crisi da COVID-19 e la crescente influenza della Cina all’interno dell’Organizzazione.

Come la Cina ha preso il controllo dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è stata fondata nel 1948 con l’obiettivo elevato di garantire il raggiungimento del più alto livello possibile di salute da parte di tutti. Negli anni successivi, l’organizzazione ha svolto un ruolo fondamentale nel controllo o nello sradicamento delle malattie trasmissibili e negli investimenti nella capacità di assistenza sanitaria in tutto il mondo. Tuttavia, l’OMS sta affrontando crescenti critiche internazionali su come l’influenza della Cina abbia inciso nella risposta dell’organizzazione allo scoppio in corso di COVID-19.

L’influenza della Cina sull’OMS

Il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, è stato un chiaro sostenitore della risposta COVID-19 del governo cinese. Il 28 gennaio, Tedros ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping a Pechino. A seguito dell’incontro, Tedros ha elogiato la Cina per «aver fissato un nuovo standard per il controllo delle epidemie» e la massima leadership del Paese per la sua «apertura alla condivisione delle informazioni» con l’OMS e altri Paesi.

Eppure a Wuhan, epicentro dell’epidemia di COVID-19, i funzionari cinesi erano impegnati ad arrestare e punire i cittadini per «diffondere voci» sulla malattia, mentre i censori online controllavano il flusso di informazioni. Nonostante le crescenti prove della cattiva gestione dell’epidemia da parte della Cina e del crescente sdegno cinese nei confronti della censura del governo, Tedros rimane impassibile.

Il 20 febbraio alla Conferenza di sicurezza di Monaco, Tedros ha raddoppiato i suoi elogi per la Cina. In contrasto, lo stesso ha rapidamente criticato altri Paesi per le loro risposte allo scoppio. Ha invitato le nazioni a non limitare i viaggi con la Cina e ha messo in guardia contro la «recriminazione o politicizzazione» dell’epidemia. La copertura di notizie cinesi interne mette in risalto l’elogio di Tedros a Xi Jinping e le critiche ai governi stranieri. Più preoccupante è il ritardo di Tedros nel dichiarare COVID-19 un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale (PHEIC).

Il 23 gennaio, il comitato di emergenza dell’OMS è stato diviso sull’opportunità di dichiarare un PHEIC. Con l’autorità finale a capo della direzione generale, Tedros ha deciso di aspettare nonostante ammettesse che «si tratta di un’emergenza in Cina». Una settimana dopo dichiarò un FHEIC. A quel punto, i casi confermati di COVID-19 erano aumentati di dieci volte con 7.781 casi in 18 Paesi.

John Mackenzie, un membro del comitato esecutivo dell’OMS, dichiarò pubblicamente che l’azione internazionale sarebbe stata diversa se non fosse stata per l’offuscamento «riprovevole» della Cina della portata dell’epidemia. Uno dei motivi è che i dati ufficiali provenienti dalla Cina sono spesso molto dubbi, il che può portare a politiche sanitarie sconsiderate in altri Paesi, poiché gli studi basati sulle informazioni provenienti dalla Cina sono i primi utilizzati per comprendere COVID-19.

Innumerevoli casi di persone che muoiono a casa a Wuhan - alcune descritte nei post sui social media - probabilmente non andranno mai nelle statistiche. E mentre un rapporto di Caixin sulla provincia cinese dell’Heilongjiang afferma che non è stata segnalata una percentuale considerevole di casi asintomatici, il che equivale a circa il 50% di infezioni più conosciute in Cina secondo quello che riporta un rapporto del South China Morning Post su dati governativi classificati, l’OMS prende i valori riportati da Pechino al valore nominale.

«La Cina ha riferito e isolato tutte le persone con COVID-19 confermate in laboratorio», ha detto Christian Lindmeier, portavoce dell’OMS, a metà marzo. Tuttavia, le autorità cinesi solo all’inizio di aprile hanno iniziato a rendere pubblici i numeri attuali di casi asintomatici con infezioni confermate in laboratorio, che sono anche inclusi nella definizione del caso dell’OMS per COVID-19.
«Ogni Paese ha i propri processi di autodichiarazione», ha affermato Lindmeier.

L’epidemiologo dell’OMS Bruce Aylward, che ha guidato la visita, ha dichiarato in un’intervista che la Cina non nascondeva nulla. Alla domanda su quante persone sono state messe in quarantena, isolamento o restrizioni residenziali, Lindmeier ha fatto riferimento a numeri della Commissione nazionale per la salute della Cina, che sono molto più piccoli dei numeri calcolati per esempio dal New York Times. «L’OMS lavora con questi dati», ha detto. Tuttavia non è chiaro se gli esperti dell’OMS che hanno viaggiato in Cina abbiano sufficientemente compreso la situazione sul campo. Ad esempio, in base ai numeri della provincia del Guangdong della Cina meridionale, l’OMS ha sostenuto che i casi non rilevati sono rari. Tuttavia, il programma di screening per COVID-19 includeva solo pazienti osservati in cliniche della febbre; molti di loro probabilmente hanno mostrato almeno la febbre. In Germania, la maggior parte delle persone che si sono dimostrate positive non ha mostrato febbre. È facilmente possibile che ci sia stato un numero considerevole di casi non rilevati, ha detto Neher, che è il «grande sconosciuto» nei calcoli del tasso di mortalità.

Come ha affermato l’ex commissario per il Food and Drug, Scott Gottlieb, di recente, «vi sono alcune prove che suggeriscono che fino al 20 gennaio, i funzionari cinesi continuavano a dire che non vi era alcuna trasmissione del virus da uomo a uomo e che l’OMS stava convalidando quelle affermazioni, una sorta di abilitazione dell’offuscamento dalla Cina».

L’inazione del dott. Tedros è in netto contrasto con le azioni dell’OMS durante l’epidemia di SARS del 2003 in Cina. Gro Harlem Brundtland della direzione generale dell’OMS ha fatto la storia dichiarando il primo “alert” di viaggio dell’OMS in 55 anni, raccomandando di non viaggiare da e verso l’epicentro della malattia nel sud della Cina. La dottoressa Brundtland aveva anche criticato la Cina per aver messo in pericolo la salute globale tentando di coprire lo scoppio della epidemia attraverso il suo consueto modus operandi fatto di arresti di informatori e censura dei media.

Il nodo dei contributi volontari verso l’OMS

Che cosa è cambiato nei quasi due decenni dall’epidemia di SARS? Come sempre, è importante «seguire i soldi». Sin dalla sua fondazione, l’OMS ha richiesto contributi di bilancio volontari per soddisfare il suo ampio mandato. Negli ultimi anni, l’OMS è diventata più dipendente da questi fondi per far fronte ai deficit di bilancio. I contributi valutati dai Paesi sono aumentati solo del 3% dal 2014. I contributi volontari extra-bilancio sono aumentati del 18% da $3,9 miliardi nel 2014-15 a quasi $4,7 miliardi nel 2018-19.

Questa dipendenza dai contributi volontari rende l’OMS altamente suscettibile all’influenza dei singoli Paesi o organizzazioni. Gli Stati Uniti e i suoi alleati probabilmente non saranno in grado di rimuovere Tedros prima della scadenza del suo mandato nel 2022, e Trump al momento non ha dichiarato di volere una sua espulsione immediata. Ma alla fine del mandato di Tedros, i diplomatici attuali e precedenti e i funzionari della sanità pubblica affermano che gli Stati Uniti devono radunare i loro alleati e usare il loro peso economico per installare un nuovo direttore generale dell’OMS che non sia legato a Pechino.

«Richiederà scambi di cavalli all’antica, attività di lobby e diplomazia, ma deve accadere», afferma Dan Blumenthal, direttore degli studi asiatici presso l’American Enterprise Institute di Washington. Si vedrà, resta il fatto che la Cina sta già muovendosi per evitare di essere di nuovo messa all’angolo. Da parte sua, i contributi cinesi dell’OMS sono aumentati del 52% dal 2014 a circa $86 milioni. Ciò è in gran parte dovuto all’aumento della Cina nei contributi valutati che si basano sullo sviluppo economico e sulla popolazione di un Paese. Tuttavia, la Cina ha anche leggermente aumentato i contributi volontari da $8,7 milioni nel 2014 a circa $10,2 milioni nel 2019.

Mentre questo impallidisce in confronto al contributo degli Stati Uniti del 2018-19 di $893 milioni, i contributi crescenti della Cina arrivano poiché la sua influenza nelle Nazioni Unite è in aumento proprio mentre la leadership americana sta diminuendo. In futuro, la Cina potrebbe sembrare un partner più affidabile per le organizzazioni dipendenti dal supporto finanziario dei membri come l’OMS. Sicuramente, come ha scritto in un suo lungo reportage la rivista americana Newseek, hanno inciso anche le politiche estere “accondiscendenti” verso la Cina di Clinton, Bush e Obama, che hanno via via lasciato sempre più spazio all’espansione della stessa nelle principali organizzazioni mondiali. Clinton, nel suo ultimo mese in carica, è riuscito a convincere il Congresso ad estendere le «relazioni commerciali normali permanenti» alla Cina, un passo fondamentale verso l’adesione all’OMC.

L’anno successivo la Cina entrò a far parte dell’OMC e il miracolo economico cinese ebbe inizio. Le opinioni del Segretario al Tesoro di Obama, Tim Geithner, sull’impegno economico erano leggermente diverse da quelle del suo predecessore, l’ex CEO di Goldman Sachs, Hank Paulson. Questo andava bene con Obama, in particolare durante il suo primo mandato.

La priorità di Obama nei confronti di Pechino era il cambiamento climatico. La crescita economica esplosiva della Cina l’aveva resa il più grande emettitore di CO2 al mondo nell’atmosfera. Se l’accordo di Parigi doveva avere credibilità, doveva avere Pechino come firmatario. Il 1° aprile 2016 ha ottenuto il suo desiderio, quando Pechino e Washington hanno rilasciato una dichiarazione congiunta dicendo che entrambi si sarebbero uniti all’accordo. La strategia diplomatica globale nei confronti di Pechino sia per Obama che per Bush era «un impegno strategico». Ciò significava consentire alla Cina di guadagnare più peso nelle istituzioni internazionali come l’OMS. L’idea era che l’ascesa economica di Pechino meritasse quei premi. Ma ancora più importante, l’influenza aiuterebbe Pechino ad immergersi nelle istituzioni esistenti, permettendole di diventare uno «stakeholder globale responsabile», come l’aveva notoriamente definito l’ex rappresentante del commercio dell’amministrazione Bush, Robert Zoellick.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo