Trimestrale Campari: fatturato batte le stime, azioni a livelli da record

Indicazioni positive dai numeri dei primi tre mesi di Campari: il fatturato ha battuto le stime e l’Ebit rettificato ha fatto segnare una crescita a due cifre.

Trimestrale Campari: fatturato batte le stime, azioni a livelli da record

Indicazioni migliori delle stime dalle vendite di Campari nei primi tre mesi.

La società ha annunciato di aver chiuso il periodo gennaio-marzo con vendite in aumento organico del 9,6% annuo a 370,1 milioni di euro (+10,1% considerati gli effetti cambi e perimetro), contro i 358,7 milioni stimati dagli analisti.

Nel dettaglio, dall’andamento dei cambi è arrivato un effetto positivo del +2,6% (8,8 milioni) mentre la modifica di perimetro ha implicato un rosso del 2% (-6,9 milioni).

“Abbiamo registrato un’ottima partenza nel 2019 grazie sia all’andamento molto positivo dei brand chiave a priorità globale e regionale nei principali mercati sviluppati, nonostante la diversa calendarizzazione della Pasqua, sia al recupero dei mercati emergenti, largamente dovuto a una base di confronto favorevole in un trimestre a bassa stagionalità”, ha detto il Chief executive officer, Bob Kunze-Concewitz.

Trimestrale Campari: indicatori profittabilità salgono più di vendite

L’Ebit rettificato si è attestato a 72,4 milioni, con una crescita organica del +15,4% (variazione totale pari al +18,5%). Il mercato si attendeva un incremento più contenuto a 65,6 milioni. Sempre a livello “adjusted”, l’utile prima delle imposte è salito del 16,5% a 63,9 milioni.

“Gli indicatori di profittabilità hanno mostrato una crescita organica superiore a quella delle vendite –continua Kunze-Concewitz- grazie al mix positivo, nonostante la diluzione generata dal ritorno alla crescita nei mercati emergenti, oltre alla crescita degli investimenti in attività di marketing e dei costi di struttura meno che proporzionale a quella delle vendite”.

Campari: risultati del primo trimestre 2019 in sintesi

Aggregato (dati in milioni)1° trimestre 20191° trimestre 2018
Vendite nette 370,1 366
Margine lordo 223,8 200
EBIT Adj 72,4 61,1
Utile lordo Adj 63,9 54,9

A fine marzo, il debito finanziario netto totalizzava 893,9 milioni, contro gli 846,3 milioni al 31 dicembre 2018 (la prima applicazione dello standard contabile IFRS 16 ha implicato un aumento di 83,3 milioni).

Trimestrale Campari: outlook confermato, azioni in positivo

“Guardando al 2018, le nostre prospettive rimangono bilanciate in termini di rischi e opportunità, e invariate se confrontate con quanto annunciato precedentemente”, ha detto il Ceo.

“Rimaniamo fiduciosi sul conseguimento di una performance organica positiva per i principali indicatori di performance, trainata dalla continua sovra performance dei brand a priorità globale e regionale a elevata marginalità nei principali mercati sviluppati”.

A seguito della pubblicazione dei conti, le azioni Campari passano di mano a 9,075 euro, +2,48% sul dato precedente (toccato nuovo massimo storico a 9,18 euro). Negli ultimi tre mesi le azioni Campari sono salite di quasi 13 punti percentuali mentre il saldo annuo segna un +43%.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Campari

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.