Campania in zona arancione da lunedì? De Luca invoca misure urgenti

Fiammetta Rubini

11 Febbraio 2021 - 17:00

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Campania potrebbe diventare zona arancione da lunedì 15 dopo l’impennata di contagi dell’ultima settimana. 30 Comuni a rischio zona rossa. Si attende il nuovo monitoraggio Iss, intanto De Luca chiede misure urgenti di contenimento per il weekend di Carnevale e San Valentino.

Campania in zona arancione da lunedì? De Luca invoca misure urgenti

Rischio zona arancione per la Campania, che torna nella fascia critica per il coronavirus secondo la Fondazione Gimbe.
Prima in Italia per casi attivi (65.708), nella settimana 26 gennaio-2 febbraio la Regione Campania ha registrato un incremento percentuale dei casi totali di contagio del 3,9% e raggiunto un’incidenza di 273 casi positivi per 100.000 abitanti. La Campania viene quindi collocata in zona rossa per il Gimbe (ma non secondo il DPCM).

E mentre i contagi a Napoli e provincia continuano ad aumentare, l’Unità di Crisi della Regione sul Covid prevede 254.000 casi di Covid-19 in Campania al 28 febbraio, rispetto ai 223.000 di inizio mese. L’obiettivo è evitare ulteriori contagi tramite l’adozione di una strategia preventiva e previsionale, ma qualora le misure non dovessero rivelarsi efficaci, saranno previste chiusure totali nelle zone più a rischio.

Occhi puntati sul weekend, in cui i festeggiamenti di Carnevale e San Valentino potrebbero essere occasioni di contagio. In attesa del nuovo report Iss di venerdì 12 febbraio da cui dipenderà il cambio colore per alcune regioni (Toscana e Abruzzo verso la zona arancione), il governatore Vincenzo De Luca chiede che siano emanate misure speciali. “In un Paese nel quale i livelli di controllo sono ridotti a zero, è indispensabile che vi siano decisioni efficaci di contenimento degli assembramenti da parte del Ministero della Salute”.

Campania rischia zona arancione? Si decide il 12 febbraio

Venerdì 12 febbraio è una data cruciale per almeno due motivi: escono i nuovi dati settimanali del monitoraggio Iss-Ministero della Salute da cui dipenderà la nuova suddivisione delle regioni in fasce di rischio, ed è attesa la decisione sulla proroga o meno del divieto di spostamenti tra Regioni dal 16 febbraio.

Dopo il passaggio della Puglia in zona gialla, anche la Sicilia potrebbe diventate gialla da lunedì. Non dormono sonni tranquilli l’Umbria, che rischia il lockdown totale da lunedì 15 febbraio, e Friuli Venezia Giulia, Toscana e Abruzzo, attualmente gialle ma con i numeri da zona arancione.

Sotto osservazione anche la Campania, attualmente in zona gialla, ma che potrebbe ripiombare in fascia arancione questa settimana o la prossima se l’Rt dovesse salire. Le previsioni dell’Unità di Crisi regionale spaventano: al momento in Campania ci sono 30 Comuni a rischio zona rossa a causa dei troppi contagi, di cui 16 nella provincia di Napoli (specie nella zona del Vesuviano, del Nolano, della Penisola sorrentina e Napoli Nord), 7 a Caserta e 4 nel Salernitano.

De Luca: misure urgenti per il weekend di San Valentino

“Siamo alla vigilia di un fine settimana nel quale avremo il Carnevale e la festa di San Valentino”, sottolinea De Luca, invocando “decisioni efficaci di contenimento degli assembramenti da parte del Ministero della Salute”. Continua il governatore campano: “Se in questi giorni avremo le strade e le piazze nelle condizioni dello scorso fine settimana, dovremo aspettarci nelle settimane successive una vera e propria esplosione di contagi nel nostro Paese. Riteniamo urgenti e indispensabili misure nazionali di prevenzione e contenimento”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories