Asteroide rischia di colpire la Terra? Ecco la data e cosa ha detto la NASA

Matteo Novelli

7 Gennaio 2021 - 13:36

7 Gennaio 2021 - 14:49

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Un nuovo asteroide rischia di colpire la Terra nel 2022: ma è davvero così? Ecco la data prevista e cosa c’è di vero nella previsione della NASA.

Asteroide rischia di colpire la Terra? Ecco la data e cosa ha detto la NASA

Un nuovo asteroide rischia di colpire la Terra? Dopo la notizia del meteorite che avrebbe dovuto schiantarsi lo scorso novembre arriva ora l’annuncio della data per un nuovo possibile pericolo previsto per il 2022. Ma è davvero così? Cosa ha detto davvero la NASA?

Di bufale è pieno il web e gli asteroidi, con i loro possibili schianti che estinguerebbero il genere umano, sono solitamente protagonisti: dichiarazioni vere fatte da scienziati e studiosi di questo giganteschi corpi celesti fluttuanti intorno alla nostra orbita vengono spesso ingigantite, facendo perdere il focus e la fonte originaria delle informazioni.

C’è davvero un rischio concreto per la Terra di essere colpita da un asteroide? Ecco cosa c’è da sapere sulle ultime dichiarazioni fatte dall’agenzia spaziale americana.

Asteroide colpirà la Terra nel 2022: ecco quando, le previsioni della NASA

L’asteroide in questione è denominato 2009 JF1 e ha un diametro di 13 metri: gli scienziati della NASA lo hanno etichettato come potenzialmente pericoloso e ne ha individuato una possibilità di conflitto con il nostro pianeta. Secondo i calcoli la data prevista è quella del 6 maggio 2022.

A rintracciare la minaccia spaziale è stato il sistema Sentry, un programma informatico (già citato in queste occasioni in precedenza) realizzato per analizzare i corpi celesti noti alla ricerca di oggetti che possano entrare in collisione con la Terra.

Il sistema elabora diversi dati ed ha elaborato anche la possibilità di un possibile impatto sulla Terra per 2009 JF1: 1 su 3.800, ed è questo il dato più importante da tenere in considerazione che dovrebbe evitare facile allarmismi.

Ma non è la prima volta che 2009 JF1 si affaccia agli strumenti dei nostri scienziati come una possibile minaccia: l’asteroide è sotto osservazione speciale dal 2009 e le informazioni inerenti a questo gigantesco masso orbitante sono diverse. Non si tratta di un asteroide enorme ma il suo impatto sul nostro pianeta potrebbe avere comunque conseguenze importanti. La possibilità di un impatto è comunque molto bassa, come ribadito anche dall’ESA.

Gli asteroidi sono davvero un pericolo per la Terra?

Ovviamente il team scientifico addetto allo studio dei corpi celesti non può distogliere lo sguardo. Lindley Johnson, ufficiale per la difesa planetaria della NASA, ha dichiarato che il primo passo per fermare un asteroide assassino è trovarlo. Ci sono letteralmente centinaia di migliaia di asteroidi là fuori e tendiamo a concentrarci su quelli che dovremmo tenere d’occhio più da vicino e monitorare nel tempo ".

Johnson ha inoltre rivelato che a oggi ci sono 2.078 asteroidi potenzialmente pericolosi classificati nel catalogo della NASA. Dopo 2009 JF1 sarà la volta di 65803 Didymos, un altro enorme asteroide (largo 800 metri e accompagnato da una piccola Luna orbitante intorno a esso) la cui traiettoria potrebbe minacciare la Terra a ottobre 2022.

In merito la NASA ha già programmato la missione DART, con lancio previsto a luglio 2021. La missione metterà alla prova la strategia di difesa della NASA contro i corpi celesti che minacciano la Terra facendo scontrare un veicolo spaziale da mezza tonnellata costruito dal Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (APL) contro lasteroidi in avvicinamento. La navicella spaziale delle dimensioni di un frigorifero ha già il suo primo obiettivo e si tratta proprio Didymos.

Insomma, è possibile continuare a vivere sereni: lo studio delle traiettorie di questi copri celesti è frutto di osservazione e calcoli complessi con una stima delle probabilità precisa e affidabile.

Argomenti

# Spazio

Iscriviti alla newsletter

Money Stories