;

Amazon cede parte del suo business cloud in Cina per $301 milioni

icon calendar icon person
Amazon cede parte del suo business cloud in Cina per $301 milioni

Parte dei servizi cloud di Amazon in Cina sarebbero in fase di cessione per aggirare gli ostacoli posti dal governo cinese.

L’azienda cinese Beijing Sinnet Technology ha annunciato l’acquisto di una porzione del business del cloud di Amazon in Cina per 301 milioni di dollari (2 miliardi di yuan cinesi), ma il gigante dell’e-commerce statunitense ha dichiarato di non avere intenzione di andarsene dalla seconda economia più grande del mondo.

Nell’agosto 2016, Amazon (AMZN) ha firmato un accordo per consentire alla società cinese Sinnet di operare tramite i servizi forniti da Amazon Web Services (AWS) in Cina.

Sinnet ha dichiarato in una deposizione presso l’autorità di regolamentazione nella giornata di lunedì che l’acquisto, ancora in sospeso, lo aiuterà la società «a rispettare le leggi cinesi per migliorare ulteriormente i servizi Cloud AWS della società» in termini di qualità e sicurezza.

Amazon ha riferito di stare vendendo solo «alcuni asset fisici» e possedere ancora la proprietà intellettuale di AWS in tutto il mondo.

«No, AWS non ha venduto la propria attività in Cina e rimane pienamente impegnata a garantire che i clienti cinesi continuino a ricevere i servizi cloud di AWS leader nell’industria. La legge cinese vieta alle aziende non cinesi di possedere o utilizzare determinate tecnologie per la fornitura di servizi cloud. Come risultato, per rispettare la legge cinese, AWS ha venduto determinate infrastrutture fisiche alla Sinnet, suo partner cinese e venditore di AWS da record nella sua regione»,

ha riferito Amazon in una dichiarazione a TechCrunch.

«AWS continua a possedere la proprietà intellettuale degli AWS Services in tutto il mondo. Siamo entusiasti della grande attività che abbiamo in Cina e del suo potenziale di crescita nei prossimi anni».

L’accordo potrebbe essere legato all’aumento dei controlli di regolamentazione da parte del governo cinese, che sta cercando di rafforzare la sua presa su Internet all’interno del paese. Sinnet ha chiesto ai suoi clienti all’inizio di quest’anno di smettere di utilizzare reti private virtuali (VPN), in grado di aggirare il grande firewall della Cina.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Amazon

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]