Alla scoperta del segnale doppio minimo higher high

Uno dei modelli grafici più profittevoli da un punto di vista statistico è senza dubbio il cosiddetto Doppio Minimo Higher High.

Alla scoperta del segnale doppio minimo higher high

I pattern di inversione del trend, o di continuazione di una tendenza principale che aveva evidenziato solo una fisiologica correzione, possono assumere forme diverse ed essere così inquadrati con svariati modelli grafici.

Tra questi, uno dei più profittevoli da un punto di vista statistico è senza dubbio il cosiddetto Doppio Minimo Higher High. Se viene utilizzato dopo un pullback da un top di periodo (o di uno strappo improvviso), è ancor più significativo.


(Grafico risalente al 16/03/2016)

Il grafico mostrato sul mercato cash del platino, timeframe giornaliero, evidenzia la formazione di ben due segnali long relativi al pattern Doppio Minimo Higher High. Da notare la presenza di un tweezer bottom consecutivo e di una long candle rialzista, che mostra un massimo e una chiusura più alti rispetto al massimo della candela ribassista precedente.

Nel case study in oggetto questo segnale ha sempre fornito una grande opportunità di guadagno a basso rischio.

A cura del dott. Nicola D’Antuono – professional trader

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Maurizia Esposito -

Doppio massimo e doppio minimo: come sfruttare i segnali di inversione

Doppio massimo e doppio minimo: come sfruttare i segnali di inversione

Commenta

Condividi

Maurizia Esposito -

Cambio GBP/AUD: doppio massimo D1. Strategia e regole operative

Cambio GBP/AUD: doppio massimo D1. Strategia e regole operative

Commenta

Condividi

Maurizia Esposito -

Cambio CHF/JPY: doppio minimo in D1? Analisi e spunti operativi

Cambio CHF/JPY: doppio minimo in D1? Analisi e spunti operativi

Commenta

Condividi